Browsing category

Music

Music,

“Among Us” è il nuovo singolo di HEMEL il dj producer italiano più talentuoso della scena dance/elettro italiana

È online il videoclip ufficiale di “Among Us” (Strakton Records), il nuovo singolo del talentuoso dj romano HEMEL, giovane promessa della musica dance ed elettronica. Il brano è nato per esprimere la voglia e il bisogno dei giovani di tornare a vivere, ballare e ascoltare la musica nei locali, per trovare in mezzo a mille persone gli occhi di chi ti dà una ragione per non andare via. La stessa necessità emerge anche nel videoclip che lo accompagna, da cui si evince il desiderio di rivivere la socialità in modo naturale e leggero. 

HEMEL regala una fotografia nostalgica dell’estate spensierata che vorremmo rivivere, fatta di momenti semplici ma che lasciano ricordi indelebili: la musica ascoltata insieme, le foto di gruppo, le passeggiate in riva al mare, i balli sulla spiaggia e gli amori sbocciati attorno a un falò. HEMEL ha presentato “Among Us” dal vivo in un esplosivo dj set che si è tenuto sabato 15 maggio a Roma presso l’hotel “The Hive” ed è stato trasmesso sui canali social dell’artista. Una location sofisticata ed elegante in netto contrasto con lo skyline mozzafiato e senza tempo della Città Eterna ha fatto da perfetto sfondo a un’esibizione energica e potente, con cui HEMEL ha potuto finalmente tornare alla consolle live e condividere la sua musica davanti a un pubblico. 

“Among Us” giunge in seguito alla pubblicazione di “Don’t You Never Stop Me”, uscito nel 2020, un brano in perfetto stile dance che ha suscitato l’attenzione del grande pubblico portando HEMEL a conquistare il primo posto della classifica di TIM MUSIC e lacopertina della playlist “Hot Dance” stilata dalla piattaforma. Un grande traguardo che ha permesso all’artista di farsi strada nel panorama musicale attuale come uno dei dj più talentuosi e promettenti della nuova generazione. 

Music,

“Er musicista” è il brano di Tiromancino e Franco126 che fa parte della colonna sonora del film “Morrison” di Federico Zampaglione

“ER MUSICISTA” brano scritto e cantato da TIROMANCINO e FRANCO126 che fa parte della colonna sonora di MORRISON, il film di FEDERICO ZAMPAGLIONE dal 20 maggio in tutte le sale cinematografiche (distribuito da Vision Distribution). “ER MUSICISTA” arriva dopo il successo di “CEROTTI”, anche questo nella colonna sonora del film, scritto a quattro mani da FEDERICO ZAMPAGLIONE e GAZZELLE, ennesima conferma del rapporto ormai più che consolidato tra il cantautore romano e la nuova generazione di cantautori italiani, quell’indie di cui Zampaglione è considerato a ragion veduta uno dei padri fondatori. 

Er Musicista – racconta Federico Zampaglione – è una canzone un po’ particolare. Nel testo ho evocato monologhi di Califano, rimasti impressi in modo indelebile nella mia memoria. Di fatto Er Musicista è una canzone che racconta la strana vita di questo animale, indecifrabile, che è il musicista”.

Il film è tratto dal libro scritto insieme a Giacomo Gensini nel 2017 “Dove tutto è a metà” (edito da Mondadori) che Zampaglione ha annunciato con queste parole: “È una storia di vita, amicizia, sentimenti e sogni che ha come sfondo il mondo della musica. Racconterò il confronto tra due musicisti… Lodo giovane e pieno di grandi sogni da dividere con la sua band e Libero, una ex popstar in cerca del grande rilancio. È stata una bellissima avventura con un team di produzione eccezionale”.

Music,

Franco Battiato è morto a 76 anni nella sua residenza di Milo. I funerali avverranno in forma privata

 Ha spaziato tra una grande quantità di generi, dalla musica pop a quella colta, toccando momenti di avanguardia e raggiungendo una grande popolarità. Per Franco Battiato sono passati oltre 50 anni dalle sue prime esperienze musicali a Milano, dal suo primo contratto discografico ottenuto grazie al suo grande amico Giorgio Gaber che tra l’altro, insieme a Caterina Caselli, (i due conducevano il programma “Diamoci del tu”) ha ospitato, nel 1967, la sua prima apparizione televisiva. Lungo questi decenni Franco Battiato ha costruito un percorso davvero unico nel panorama italiano.

Un ironico libero pensatore che ha praticato l’arte della provocazione e che ha avuto pure una breve esperienza (non retribuita) come assessore alla Regione Sicilia con la giunta Crocetta, durata da novembre 2013 a marzo 2014 e finita in modo a dir poco burrascoso. “Franco Battiato era un genio ed era geniale in tutto quello che faceva, e oggi per Milo, ma per il mondo della cultura in generale, è uno giorno di grande tristezza”. Così Alfio Cosentino sindaco del paese dell’Etna dove l’artista aveva comprato una villa annunciando “il lutto cittadino il giorno dei funerali”.

“In generale – ricorda Cosentino – Battiato non si vedeva molto in giro, era una persona molta riservata, ma alla mano. Era un piacere parlare con lui e in paese gli volevano tutti bene. Per anni ci ha aiutato ad organizzare manifestazioni estive e molti grandi artisti venivano per lui”. (ANSA)

Music,

Per il suo nuovo singolo “Cinema” Samuel si è rivolto a Francesca Michielin

 Il brano, scritto e composto da Samuel, Colapesce e Federico Nardelli, arriva dopo “BRIGATABIANCA”, il secondo album solista del cantante torinese, uscito a gennaio. “Cinema” è un universo costellato di icone pop senza tempo, che conduce l’ascoltatore dentro un immaginario di riferimenti cinematografici attraverso l’erotismo delle opere di Tinto Brass, la nouvelle vague di François Truffaut, con il triangolo più famoso della storia del cinema messo in scena da Jules et Jim e la citazione del Quentin Tarantino di Jackie Brown, il tutto scandito dal sound della produzione di Federico Nardelli, che regala all’ascoltatore un immediato senso di spensieratezza.

Così Samuel racconta la genesi della canzone: «Questi ultimi mesi sono stati scanditi da grandissimi cineforum, spesso in solitaria. A guardare film d’autore, film d’essai, a perderci in quei luoghi della nostra fantasia che sono stati rappresentati abilmente da registi magici. Ora si sta tornando a un’altra esigenza: quella di uscire, incontrare i propri amici, rivivere la socialità, ricominciare a saltare». Con “Cinema”, Samuel e Francesca Michielin ci offrono un’anticipazione dell’estate, riportando alla mente lo svago, la leggerezza e il divertimento nella speranza che tornino al più presto i momenti in cui si potrà di nuovo stare insieme.

Music,

Deddy finalist di Amici 20 pubblica il suo primo Ep “Il cielo contromano”

E’ uscito  “IL CIELO CONTROMANO” il primo Ep di inediti di Deddy, nome d’arte di Dennis Rizzi, finalista dell’edizione di Amici 20. L’Ep, in uscita per Warner Music e già ai vertici delle chart, è stato anticipato dall’omonimo singolo già certificato ORO con oltre 12 milioni di stream su Spotify.

Annunciata oggi anche la prima data live prodotta da Vivo Concertisabato 18 dicembre 2021 ai Magazzini Generali di Milano. Sarà la prima vera occasione per i fan di ascoltare live i brani contenuti nell’Ep e che Deddy ha presentato al pubblico durante il suo percorso ad Amici 20.

Music,

Baby Gang il rapper di origini marocchine pubblica il suo EP1 con la benedizione di Capoplaza

Sette tracce in cui il rapper ripercorre i fatti che hanno segnato la sua adolescenza, accompagnato da diversi artisti emergenti con cui Baby Gang ha voluto collaborare per la stima sincera nei confronti del loro vissuto e della loro visione artistica: Omar, Escomar, Il Ghost, Neima Ezza e Rondo Da Sosa. In “EP1” Baby Gang accompagna l’ascoltatore nel suo mondo, in una realtà difficile che viene spesso demonizzata solo perché poco conosciuta. Ogni pezzo aiuta a comprendere maggiormente il motivo che si nasconde dietro determinati errori del rapper, insieme a come il contesto in cui una persona nasce influenzi inevitabilmente la sua vita, indirizzandolo verso strade che lo segneranno per sempre.

Baby Gang arriva a questo lavoro dopo il successo di “Treni”, il singolo feat. Il Ghost, con oltre 9 milioni di stream totali e “Blitz 2”, inedita collaborazione internazionale con la leggenda del rap francese Sofiane, che ad oggi conta oltre 1 milione e mezzo di views. Il primo singolo ad aprire il nuovo lavoro del rapper è “Marocchino”, accompagnato dal videoclip diretto da Legacy Films, con un cameo di Capo Plaza.

Baby Gang è un rapper italiano classe 2001, nato a Lecco, di origini marocchine. A soli 15 anni si ritrova ad entrare e uscire da diverse carceri minorili in giro per l’Italia, confrontandosi con diverse realtà durissime. È proprio qui che sviluppa la sua passione per la musica. Poco più di due anni fa, quando si trovava ancora nel carcere minorile Beccaria di Milano, fa uscire il suo primo pezzo “Street” e poi “Cella 1”, che in pochissimo tempo gli permette di farsi conoscere ad un pubblico più vasto, fino al successo degli ultimi singoli “Bimbi Soldato” feat. Sacky, “Cella 2”, “Baby”, “Treni” feat. Il Ghost che lo rendono uno dei rapper emergenti più seguiti e controversi dell’ultimo anno.

Music,

Yuman pubblica il suo nuovo singolo prodotto da Francesco Cataldo

A poco più di un anno di distanza dalla pubblicazione del suo primo album, “Naked Thoughts”, che conteneva i brani “Twelve” e “Run”, YUMAN inaugura un nuovo percorso musicale con il singolo “I AM” prodotto da Francesco Cataldo, è un brano pop intrigante ed estremamente ballabile, caratterizzato da sonorità elettroacustiche anni’80 di respiro internazionale.

“Con I AM ho voluto raccontare quanto una dipendenza, emotiva o fisica che sia, possa essere logorante. – racconta Yuman – Quando ci troviamo in difficoltà è importante trovare la forza per rimettersi al centro, prenderci cura di noi e riprendere il controllo della nostra vita. Quando siamo travolti da quello che ci sta attorno, non rimane altro da fare che fermarsi ad ascoltare. Solo se prendiamo contatto con la nostra essenza, possiamo determinare la nostra esistenza. “I AM” parla di consapevolezza, innocenza e necessità. La necessità, comune a tutti, di ristabilire un ordine nella propria testa e nel proprio cuore”.

Il video, diretto da Annapaola Martin, è un viaggio interiore, intimo. Come in un sogno, affiorano immagini che evocano il precario equilibrio delle relazioni dipendenti, il dilemma tra la necessità di fuggire e il bisogno di restare. Attraverso i loro corpi gli straordinari coreografi e danzatori Eleonora Di Vita e Francesco Mariottini raccontano con maestria ed eleganza l’intensità di una relazione in bilico tra sofferenza e apparente sollievo

Music,

“Klan” è il nuovo singolo di Mahmood che anticipa il suo prossimo album “Ghettolimpo”

.Scritto da Mahmood e prodotto da DRD, “Klan”, il nuovo singolo che svela un nuovo tassello che compone l’universo raccontato in “Ghettolimpo”. I ritmi urban della canzone accompagnano un testo che racconta il mondo crudo della provincia e le dinamiche di aggregazione di chi vive quasi in simbiosi, come in un branco. Anticipato dal singolo “Inuyasha” (disco d’oro) e da “Zero”, brano che fa parte della colonna sonora dell’omonima serie originale Netflix di cui ha curato anche un episodio come music supervisor, “Ghettolimpo” rappresenta un nuovo immaginario per l’artista che in breve tempo si è conquistato un posto fra i più importanti esponenti del cantautorato urban pop, con un tratto unico che lo distingue nel panorama contemporaneo. 

L’album apre a un mondo dalle molteplici sfaccettature, dove ogni traccia rimanda a una sua simbologia e alla storia di un personaggio che, come nei vari livelli di un videogioco, si rivela all’ascoltatore brano dopo brano. Un universo popolato da dèi dell’Olimpo insieme a svariati personaggi, dove si uniscono le suggestioni tratte dai miti greci insieme alle esperienze di eroi moderni che vivono la loro quotidianità, cercando di superare gli ostacoli nelle diverse situazioni. Nel Ghettolimpo di Mahmood non troviamo figure onnipotenti appartenenti a un luogo irraggiungibile, ma la descrizione di semplici persone straordinarie che cercano di dare un senso alla propria vita.

Autore e cantante stimato nella scena italiana e internazionale, dopo gli ottimi risultati raggiunti con “Gioventù Bruciata” (disco di platino) e il successo planetario di “Soldi” (quadruplo disco di platino) con cui ha vinto la 69ma edizione del Festival di Sanremo, Mahmood ha dominato le Top 10 anche nel 2020 con “Rapide” e “Dorado” che saranno inseriti in Ghettolimpo, collezionando un totale di 15 dischi di platino, 6 dischi d’oro e oltre 400 milioni di streaming.

Giordana Angi
Music,

Giordana Angi pubblica il suo nuovo album “Mi muovo” che contiene tre collaborazioni: Loredana Bertè, Alfa e Briga.

E’ uscito l’atteso nuovo disco della cantautrice Giordana Angi, intitolato semplicemente “Mi Muovo”.L’album è stato composto l’anno scorso durante la pandemia, è formato da 10 brani e contiene tre featuring: Loredana Bertè, Alfa e Briga. Il singolo apripista “Tuttapposto” (featuring Loredana Bertè) è già uno dei brani più programmati dalle radio italiane. Il singolo è prodotto da ZEF e mixato da Robert Orton, vincitore di tre Grammy Awards e già dietro a progetti di superstar internazionali quali Lady Gaga, Ellie Goulding, Robbie Williams e Lana del Rey.

A proposito del disco, Giordana ha dichiarato: “è un album nato per spostarsi verso nuovi orizzonti e abbracciare l’idea di un cambiamento continuo. A marzo 2020, quando il mondo si è fermato, sono potuta scendere da un treno che andava troppo veloce per poter immergermi nella calma della mia casa. Sono cambiata radicalmente. La solitudine può essere vista in molti modi, per me serve a specchiarsi con la profondità del nostro animo e dare vita a un’evoluzione, chiedendosi dove si vuole andare e perché. Le mie canzoni nascono d’istinto, mi servono a buttare giù le emozioni. Ho messo su carta la mia voce e le mie idee, con un senso di libertà mai avuto finora, senza troppe linee guida. Sono nate 10 tracce che raccontano a tutto campo una nuova presa di coscienza. Ogni canzone è diversa”.

“Mi Muovo” è il terzo album di Giordana, che in pochi anni di carriera ha già al suo attivo un disco di Platino e due dischi d’Oro. Giordana è anche un’autrice di grande successo che ha collaborato con importanti artisti italiani del calibro di Tiziano Ferro, con il quale ha composto quattro canzoni del suo ultimo album: Buona (cattiva) sorteAccetto MiracoliCasa Natale e Seconda Pelle. Ha inoltre scritto Senza Appartenere, brano sanremese di Nina Zilli e Accanto a te di Alberto Urso.

Le tracce di “Mi Muovo” sono state realizzate con cura meticolosa e un’attenta ricerca musicale, in grado di mettere in risalto le doti cantautorali di Giordana. “Mi Muovo” è un disco eterogeneo in cui si mescolano vari generi e stili musicali, mostrando tutta l’ecletticità di questa straordinaria artista, che canta anche alcune strofe in lingua francese. Ci sono brani uptempo e potenti come Tuttapposto dal sapore funky e dal groove irresistibile, brani dal sound più rock come Farfalle colorate, ballad sognanti e melanconiche come Semplicecon Alfa, Paolo e Francesca, Chiama il mio nome con Briga e Siccome Sei, midtempo dal sound contemporaneo quasi urban come la title track Mi Muovo o pezzi più dance come Non è l’estate, che contiene “un rap” in francese e Amami adesso. Il disco si chiude con la dolcissima ballata in francese In bocca al lupo, dal forte impatto emotivo.

Music,

“Appartamento” è il nuovo singolo di Venerus che vede la partecipazione di Frah Quintale

E’ uscito il videoclip di “Appartamento”, il singolo di Venerus, astro nascente del cantautorato italiano, con la partecipazione di Frah Quintale, rivelazione della scena street pop, disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali. Il brano, coprodotto insieme a MACE e estratto dall’album d’esordio di Venerus “Magica Musica”, è la metafora di un cuore che si apre ad un amore, dandogli pieno accesso e lasciando che questo sentimento possa “guardarci dentro, venire ad abitarci, cambiare arredamento”.

Il video, diretto da Cleopatria, è girato live dal palco di Santeria Toscana a Milano, una venue, punto di riferimento per la scena dei concerti della città.

“Magica Musica” contiene 16 tracce, di cui 12 coprodotte con Mace, e vanta collaborazioni eterogenee: Frah Quintale, Calibro 35, Rkomi e Gemitaiz per quanto riguarda i featuring, oltre ai produttori Crookers, Tommaso Colliva, Vanegas, amanda lean & not for climbing. Anticipato da “Canzone per un amico” e “Ogni pensiero vola”, nel disco si trovano le molte sfaccettature di un artista che, sfuggendo alle etichette di genere, fonde sonorità soul e R&B all’elettronica, per un risultato complessivo che parla il linguaggio del pop in modo del tutto inedito. 

VENERUS X5 005

L’album di debutto sorprende ad ogni traccia dove Venerus, attraverso una capacità di scrittura estremamente raffinata e l’eclettismo sonoro, conduce l’ascoltatore in un viaggio spazio-temporale che trasferirà sul palco dei suoi live, trasmettendo quell’atmosfera onirica nella dimensione della performance. Il tour estivo, di cui sono state annunciate le prime quattro date, farà tappa domenica 4 luglio al Ferrara Sotto le Stelle, sabato 10 luglio alla Cavea Auditorium Parco della Musica di Roma, venerdì 23 luglio al SEI Festival di Melpignano (Lecce) e sabato 24 luglio al Locus Festival Preview di Minervino Murge (BAT).
Cantautore, polistrumentista e produttore, Venerus nel suo disco d’esordio esplora il suono a 360° gradi e unisce parole e musica in una miscela originalissima che brilla nel panorama contemporaneo.

Music,

“I Will Survive” di Gloria Gaynor rivivrà grazie al singolo “My Way” dei CASSETTE

Il singolo “My Way” è una reinterpretazione in chiave moderna di “I Will Survive” intramontabile brano di Freddie Perren e Dino Fekaris, interpretato e reso noto da Gloria Gaynor nel 1978, che, oltre al famosissimo ritornello, contiene parti inedite scritte appunto dai CASSETTE. “My Way” è stata scritta con l’amore assoluto per la musica. È un incoraggiamento per gli artisti, i musicisti ad ascoltare il proprio cuore e ad avere fiducia nel proprio talento.

“My Way” racconta la storia della lotta per prendere posizione in questo grande e folle mondo in cui ogni giorno può essere una nuova opportunità per continuare il tuo viaggio per realizzare il tuo sogno.
Come puoi fallire quando tutti i tuoi sforzi e la tua passione sono diretti verso il tuo obiettivo? CASSETTE è un gruppo rumeno formato da due produttori e una voce talentuosa e promettente. È un nuovo progetto con sonorità deephouse con influenze electro, funk e dance ed è pronto a scalare le classifiche di tutto il mondo con un nuovo sound moderno ma con un tocco nostalgico.

“Quando abbiamo scoperto Olivia Alexandru sapevamo che sarebbe stata l’artista e la vocalist perfetta per il nostro nuovo progetto. Le prime sessioni in studio con lei si sono svolte senza problemi anche se ha solo 16 anni” così Sorin Seniuc e Ionut Catana, i produttori che formano il duo dei CASSETTE, hanno messo insieme il team che ha dato vita al loro primo singolo: “My Way”.

Music,

“Telefonami” è il nuovo singolo di Malika Ayane tratto dal suo “Malifesto”

Dopo il singolo “Ti piaci così” presentato al 71° Festival di Sanremo e la volta di  Telefonami”, secondo estratto dal sesto album di inediti “malifesto” (Sugar). Il brano è  scritto e composto da ColapesceDimartino Luca Serpenti insieme a Malika Ayane Pacifico. “Telefonami”morbida ballad dal retrogusto elettronico, è l’istantanea di una relazione d’amore ancora appesa nonostante il fluire del tempo e la distanza, in cui Malika Ayane si è potuta sentire tanto mantide quanto accondiscendente, tanto sexy quanto fragile, uno specchio di come ogni donna è quando non si rassegna a vestire un cliché che eccede da una parte o dall’altra. Coscienti della giusta fine della loro storia, di quanto siano diversi ma al contempo unici, i due protagonisti sanno di poter ancora creare una “somma che a volte non torna, ma almeno è spettacolare”. Con la sua voce calda e speziata Malika Ayane ci trasporta nei vicoli di Parigi tra thai economici e malinconici turisti lungo la Senna.

Il videoclip ufficiale del brano diretto da Niccolò Maria Paganini, amplifica le atmosfere soffuse e le gradazioni emotive di “Telefonami”, intersecandosi perfettamente nella narrazione del pezzo ricreando quel labirinto di mani ed emozioni che si rincorrono e respingono allo stesso tempo, restituendo un quadro che gioca tra contrasti cromatici e sentimentali. 

Telefonami” è il secondo singolo del sesto progetto discografico “malifesto” (Sugar), prodotto con Antonio Filippelli e Daniel Bestonzo, un album che è un inno alla riscoperta del valore delle emozioni e all’importanza di manifestarle, alla leggerezza, il migliore degli atteggiamenti per mettersi di fronte alle cose senza paura, con il coraggio di riconoscersi anche quando tutto attorno cambia. Una fotografia di diversi stati d’animo che Malika Ayane ha deciso, a modo suo, di manifestare in un vero e proprio racconto delle emozioni in maniera universale, pura ed essenziale.

Music,

Niente panico è tornato il re della drill italiana: il rapper ligure Tedua

“Don’t Panic” che anticipa l’attesissimo nuovo album dell’artista contiene 7 freestyle in cui, nell’arco di meno 2 minuti ciascuno, Tedua dimostra di essere ancora il punto di riferimento e il massimo esponente della drill italiana. Questo genere, nato a Chicago agli inizi degli anni ’10 e caratterizzato da testi crudi e basi trap, giunge pochi anni dopo anche in Italia, nello specifico in Liguria (da cui il nome “Drilliguria”), prendendo forma in un dialogo tra la tradizione della scuola cantautorale genovese e il disagio della vita di periferia portato da oltreoceano. Nella produzione musicale di Tedua, il risultato di questo incontro è dato da testi riconoscibili per l’originalità della scrittura e il flow sincopato con incastri di rime peculiari. Grazie ai suoi album “Orange County”, disco di platino, e “Mowgli”, doppio disco di platino, la drill è diventato un vero e proprio fenomeno della scena rap italiana e si è imposta anche al pubblico.

I video dei sette freestyle, ideati sotto la direzione artistica di Tedua, rappresentano il viaggio dell’artista verso le porte dell’Inferno, collegandosi alle tematiche affrontate nell’ultimo lavoro discografico “Vita Vera Mixtape – Aspettando la Divina Commedia”. Le prime tracce sono ambientate in una città distrutta, circondata dalle fiamme e da un cielo purpureo che, nei video seguenti, sprofonda nell’oscurità e nella calma apparente della notte e di un museo tanto maestoso quanto vuoto, simbolo di una società fatta solo di apparenze. In un crescendo di intensità, gli ultimi due freestyle vedono Tedua all’entrata dell’Inferno, rappresentato come un luna park in disuso, e all’interno della Selva Oscura decantata da Dante, circondato dalle mitologiche fiere. Tedua è finalmente pronto a intraprendere il lungo viaggio nei tre mondi dell’Oltretomba. 

Tutti i video di “Don’t Panic” sono stati realizzati, ispirandosi alle scene di una “Divina Commedia” urbana e alle famose illustrazioni del pittore Gustave Dorè, in un’unica giornata di filming dallo studio creativo Ombra Design, in collaborazione con Ombra Film, grazie al nuovissimo cluster rendering di Disguise X, unito all’utilizzo di Unreal Engine. È la prima volta che questa tecnologia d’avanguardia per le virtual productions viene utilizzata sui set di video musicali in Italia.

Music,

“CABRIOLET PANORAMA” è il nuovo singolo della band THE KOLORS.

Parlando del loro brano Stash ci ha raccontato: “Il pezzo nasce a fine dicembre, in una delle tante session a distanza tra me, Davide (Petrella) e Zef (che ha curato la produzione). Nonostante fosse pieno inverno avevamo tutti nella testa la voglia di ricominciare, di una primavera reale ma anche metaforica, e credo si senta nel mood della canzone. Justice, Sebastian tutta la scena Ed Banger Records (la casa discografica francese di musica elettronica)  in questo brano risuona tutto il mondo a cui i Kolors facevano riferimento agli inizi della nostra carriera. È una citazione di tutto il mondo anni 80 italiano e internazionale a cui ci ispiriamo, declinati ovviamente al 2021”.

Il singolo Electro funk è stato scritto da Stash e Davide Petrella e prodotto da Stash e Zef ed è accompagnato da un video in modo completamente coerente con il brano, riporta anche questa volta il pubblico dei THE KOLORS nelle atmosfere degli anni ’80. Prodotto da Borotalco TV e girato utilizzando camere e ottiche dell’epoca sulla costiera Amalfitana (posti frequentati da sempre da Stash) da Marc Lucas e Igor Grbesic, il video racconta della voglia di partire, di tuffarsi nella tanto attesa estate, di ricominciare a suonare, di incontrare il pubblico, i fan e gli amici, di fare tardi insieme a loro ritrovandosi finalmente insieme.

Parlando del testo: “Cabriolet Panorama invece, scritto da me e Davide Petrella, è un brano che nasce dalla mia storia personale ma chiaramente nel confronto con Davide è diventato un racconto universale. Le nostre esperienze si sono confrontate e fuse per scrivere. È di fatto il racconto del momento in cui ci si rende conto che la persona che hai incontrato è diversa da tutte le altre, diversa da ogni storia precedente e la sensazione di deja vu che spesso si prova quando le storie sono tutte uguali lascia spazio alla sorpresa. Tutto è nuovo, tutto è una scoperta uno dell’altro altro. Diciamo che il senso del brano può essere riassunto nel pre-chorus quando canto: Sembra un po’ un deja vu, tutto chiaro stasera (….) Sembri brava a sognare ma poi meno male che sono più pazzo di te e sono pronto se dici che tu.. vorresti scappare una macchina e il mare non torniamo più”.

“CABRIOLET PANORAMA”, in uscita per Island Records, si aggiunge all’elenco di successi ottenuti dai The Kolors negli ultimi anni con brani come “Mal di gola”, “Pensare male”, “Non è vero”, “Los Angeles”, “Come Le Onde”“Everytime” e “Me Minus You”, che in meno di 5 anni hanno regalato alla band 7 tra dischi di Platino e oro (a cui si aggiungono i 4 dischi di Platino della premiata ditta J-AX & FEDEZ che con STASH & LEVANTE hanno portato al successo il singolo “Assenzio”), milioni di view su YouTube nonché i primi posti delle classifiche radio. Un mix di anni ‘70 e ‘80, funk e black music, testi mai banali accompagnati da chitarre e da una voce impossibile da non riconoscere al primo ascolto fanno dei THE KOLORS una delle migliori realtà in circolazione sia discograficamente che sul palco.

Music,

Arisa sceglie di cantare anche in napoletano in “Ortica” il suo nuovo singolo

“Ortica” è il nuovo singolo scritto da Arisa stessa e prodotto con il Maestro Adriano Pennino, è una canzone che parla d’amore attraverso un intimo e poetico testo in napoletano e in italiano. Un amore intenso che quando finisce si lascia dietro un dolore che ricorda il bruciore provocato dal contatto con le foglie dell’ortica. Nel corso della sua carriera Arisa si è contraddistinta per il suo raffinato timbro vocale e per la sua versatilità: oltre alla carriera nella musica ha anche lavorato nel mondo cinematografico, come attrice e doppiatrice, in ambito televisivo, come giudice di importanti talent show (X Factor e Amici) e come presenza fissa in programmi televisivi (Victor Victoria – Niente è come sembra).

Ha all’attivo sei album in studio, un Ep e due raccolte, vanta quattro certificazioni platino (con “Malamorenò”, “La notte”, “Meraviglioso amore mio”, “Controvento”) e due certificazioni oro (con “L’amore è un’altra cosa” “Guardando il cielo”). Ha partecipato sette volte al Festival di Sanremo, l’ultima quest’anno con il brano “Potevi fare di più” che si è classificato al 10°posto. Al festival ha ottenuto due vittorie: la prima nel 2009, nella categoria Nuove Proposte, con il brano “Sincerità”, e la seconda nel 2014 nella categoria Campioni con “Controvento”. Nel 2015, inoltre, Arisa è stata co-conduttrice della 65° edizione del Festival.

Negli anni si è aggiudicata vari riconoscimenti, tra i quali il Premio Assomusica Casa Sanremo e il Premio della Critica “Mia Martini” al Festival di Sanremo 2009, un Venice Music Awards nel 2009, il Premio Lunezia e il Premio Sala Stampa al Festival di Sanremo 2012, due Wind Music Awards, un Premio TV – Premio regia televisiva, oltre ad una candidatura al Premio Amnesty Italia (nel 2016 per il valore letterario del brano “Gaia”) e due al Nastro d’argento nella categoria migliore canzone originale (nel 2017 per “Ho perso il mio amore” e nel 2018 per “Ho cambiato i piani”).

Music,

Giordana Angi sceglie Loredana Bertè per il singolo che anticipa il suo nuovo album

Fuori oggi il nuovo singolo di Giordana Angi, “Tuttapposto” featuring Loredana Bertè. Il brano, un’uptempo fresca ed estiva, è prodotto da ZEF e mixato da Robert Orton, vincitore di tre Grammy Awards e già dietro a progetti di superstar internazionali quali Lady Gaga, Ellie Goulding e Lana del Rey. Il singolo anticipa il nuovo album di Giordana, intitolato “Mi Muovo” e in uscita il prossimo 14 maggio per Virgin Records/Universal Music Italia.

A proposito del singolo Giordana ha dichiarato: “Quante volte senti chiederti: “Come va”?
Quasi sempre si risponde “Tutto a posto”, ma quante volte è davvero così?
Tuttapposto è un singolo leggero, coinvolgente, ma carico di una sottile ironia amara .
Va a toccare un mantra che tutti stiamo utilizzando quotidianamente per andare avanti con spirito positivo e fiducioso verso il futuro. Sogniamo di tornare al caos quotidiano, a tornare appiccicati, a fare festa e far scorrere la vita senza pensarci troppo. Speriamo che il mondo e la nostra vita ritornino alla normalità “di prima”.
Ma siamo sicuri che in quella normalità fosse davvero tutto a posto? Tuttapposto parla proprio di questo con ironia e tanta energia. Cantare con Loredana è un’emozione indescrivibile. Posso solo ringraziarla della generosità e la stima.”

Music,

La musica di Ludovico Einaudi accompagna il trionfo del film più premiato della stagione

Che le musiche di Ludovico Einaudi evochino le immagini e ispirino le visioni degli artisti del cinema lo dimostrano le colonne sonore che scrive per film importanti e molto premiati come Nomadland di Chloé Zhao, fresco vincitore di 3 Oscar (miglior film, migliore attrice protagonista, miglior regia), già Leone D’Oro a Venezia e vincitore di due Golden Globe, o come The Father di Florian Zeller, che invece ha vinto 2 premi Oscar (miglior attore protagonista e miglior sceneggiatura non originale (sei candidature agli Oscar e Golden Globe). Le musiche di Nomadland (di cui la colonna sonora è in pubblicazione su etichetta Decca) composte da Ludovico Einaudi e da lui interpretate al pianoforte con  Federico Mecozzi al violino e Redi Hasa al violoncello, sono tratte dall’ultimo album di Einaudi “Seven Days Walking”, da “Elements” e da “Divenire”. Per The Father Ludovico Einaudi ha firmato la colonna sonora con sei pezzi tratti da “Seven Days Walking” e ha composto appositamente un brano originale con il titolo di “My Journey”.

“È un segno meraviglioso che Nomadland e The Father, due bellissimi film indipendenti che parlano di temi importanti e profondi, siano stati premiati con questi grandi riconoscimenti. Mi sento onorato ad aver contribuito con la mia musica a queste due storie”. Ludovico Einaudi.

La produzione musicale di Einaudi che è diventata cinema include anche film come Il The Third Murder di Kore-Eda Hirokazu, The Water Diviner di Russel CroweI’m Still Here di Casey Affleck e Joaquin Phoenix, Mommy di Xavier Dolan e ancora, Quasi Amici e Samba di Olivier Nakache eEric ToledanoInsidious di James WanFuori dal mondo di Giuseppe PiccioniThis is England di Shane Meadows da cui film è nata la serie di strepitoso successo, tutti premiati o nominati a Oscar e Golden Globe. Ventotto di queste composizioni sono raccolte in un doppio album intitolato Cinema in uscita il 4 giugno 2021. Ludovico Einaudi sarà impegnato in tour in estivo in Italia, le date verranno annunciate nelle prossime settimane.

“Sono andata online per cercare musica classica ispirata dalla natura … [mi ha portato a] un video su YouTube della sua Elegy for the Arctic. Ho quindi iniziato ad ascoltare Seven Days Walking e sono rimasta stupita da come sentivo che Ludovico stava camminando sulle Alpi. Mi sembrava che lui e il personaggio di Fern camminassero parallelamente; il loro comune amore per la natura li collega, e sapevo che allora la sua musica si sarebbe adattata perfettamente al nostro film “. Chloe Zhao (Nomadland)

“Il motivo per cui volevo davvero lavorare con Einaudi è il modo in cui usava i violini. Volevo avere un filo d’oro simile a un violino per tutto il film [The Father]. Quindi, era una composizione molto delicata. In un certo senso, quasi impercettibile … è il padrone di quel territorio, del quasi impercettibile. Perché quando non c’è quasi nient’altro che tanta sensualità e mistero, è qualcosa di enorme “. Florian Zeller (The Father)

Music,

Palazzo Vecchio è la cornice scelta per il cortometraggio di “Aurora” il nuovo singolo di Giovanni Caccamo con Willem Dafoe

È stato presentato a Firenze, il cortometraggio di “Aurora”, nuovo brano del cantautore Giovanni Caccamo prodotto da MUS.E e ambientato nelle sale monumentali di Palazzo Vecchio, online sul canale YouTube e Vevo dell’artista. Il corto, che vede fiorire una collaborazione tra MUS.EGiovanni Caccamo e il Comune di Firenzeall’insegna della contaminazione e della ricerca di nuovi linguaggi artistici utili a comunicare la ricchezza del patrimonio dei musei civici fiorentini, è girato nel Salone dei Cinquecento, nella Sala delle Udienze e nella Sala degli Elementi, e vede esibirsi, insieme al cantautore, i danzatori della Compagnia Nuovo Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini. Il sodalizio tra Caccamo, cantautore sensibile e attento al dialogo tra le arti, e MUS.E, che da anni lavora per valorizzare il patrimonio fiorentino, nasce dal comune amore per l’arte e dalla condivisione di nuove vie per comunicare il patrimonio artistico del nostro Paese. Non è un caso che “Aurora” venga presentata in questo momento, a pochi giorni dalla riapertura dei museidei teatri e dei luoghi della cultura. Il progetto ha una strettissima correlazione con il periodo che stiamo vivendo e si fa portavoce di un messaggio: la società tutta, messa a dura prova dal Covid-19, trarrà nutrimento, ristoro e sollievo dalle arti, con l’auspicio di rinascere in una “nuova aurora”

Il cortometraggio, diretto da Enea Colombi per Borotalco.tv, è il prologo di Parola”, il nuovo album di Giovanni Caccamo, prodotto da Ala Bianca e distribuito da Warner Music Italia, in uscita a settembre 2021. Un viaggio tra musica, prosa, cinema e letteratura, con protagonista la “parola” in ogni sua forma. “Aurora”, come ogni canzone del disco, è preceduta da un’introduzione strumentale su cui una “voce d’eccezione” legge il testo che l’ha ispirata; in questo caso, si tratta del testo della canzone “I’m that”, scritto da Franco Battiato e Manlio Sgalambro e interpretato dall’attore statunitense Willem Dafoe. L’album verrà raccontato in un documentario prodotto da Sky Arte. Per MUS.E “Aurora” rappresenta una nuova strada da percorrere, da affiancare alle mostre, agli incontri, alle visite e alle proposte nei musei ma anche agli appuntamenti e agli approfondimenti digitali, che nell’anno del Covid-19 hanno permesso di non perdere il contatto con il pubblico anche nei periodi in cui i musei hanno dovuto chiudere i battenti. “Aurora”, dialogo di parole, musica e danza, interloquisce con le opere dei grandi maestri del Rinascimento e della Maniera fiorentini – basti pensare a Giorgio VasariMichelangelo Buonarroti e Giambologna – presenti negli ambienti all’interno dei quali il corto è girato.

Ringrazio il Comune di Firenze, il sindaco Dario Nardella e l’assessore Tommaso Sacchi per aver supportato e accolto con entusiasmo questo “viaggio” e ringrazio profondamente MUS.E, Matteo Spanò per la fiducia autentica riposta nella mia creatività e nella mia musica – ha detto Giovanni Caccamo – Palazzo Vecchio, in questo cortometraggio, diventa “madre” delle arti, grembo di una nuova bellezza che sboccia e fiorisce, protettrice di nuova linfa vitale. È un luogo che unisce passato e presente, da cui sorge un’Aurora di creatività, eguaglianza e inclusione. Rinascere significa avere un nuovo sguardo sul mondo, essendo consapevoli delle nostre radici e fiduciosi nell’avvenire”.

“A pochi giorni dalla riapertura degli spazi culturali e museali – ha dichiarato il sindaco di Firenze Dario Nardella – accogliere ‘Aurora’ a Palazzo Vecchio ci sembra un segnale di speranza e buon auspicio per il futuro dopo troppi mesi di buio. Ringraziamo Giovanni Caccamo che ha scelto la nostra città come palcoscenico ideale per la sua ispirazione artistica e che con le sue note farà viaggiare all’esterno alcune tra le nostre più preziose sale museali”. “Questo video – ha sottolineato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi – ci offre una straordinaria occasione di commistione tra arte e musica e permette di far conoscere ancora di più la bellezza del museo di Palazzo Vecchio. Come Comune siamo sempre a fianco di iniziative di qualità che possano contribuire alla diffusione della conoscenza dei nostri musei civici e alla loro promozione, soprattutto in un momento molto difficile per il comparto culturale. Siamo certi che questo video riuscirà a incuriosire un nuovo pubblico, soprattutto giovane, e a invitarlo a visitare i nostri beni culturali e artistici, non appena le condizioni sanitarie lo permetteranno”.

“I musei sono sempre di più dispositivi polifonici, al servizio della comunità, capaci non soltanto di generare apprendimento, ma anche e soprattutto esperienze di indagine, di interpretazione, di partecipazione, di creatività – ha commentato Valentina Zucchi, responsabile della mediazione culturale di MUS.E – È in questo scenario che nasce il progetto Aurora: l’arte antica ha generato nuova arte e si offre al pubblico come nuova e importante occasione per sottolineare le connessioni profonde tra il passato e la nostra contemporaneità”. Per amplificare la diffusione e offrire una lettura ancor più ampia del progetto, l’uscita di “Aurora” è accompagnata da una serie di pillole video di approfondimento storico-artistico, realizzate per l’occasione e dedicate non solo a Palazzo Vecchio e agli ambienti protagonisti del corto, ma anche a Palazzo Medici Riccardi con la suggestiva Cappella dei Magi affrescata da Benozzo Gozzoli. Le pillole verranno condivise sui canali social di MUS.E e Giovanni Caccamo. I contenuti culturali dei video, condivisi con cadenza settimanale, sono curati da MUS.E in collaborazione con il cantautore, e vedonoAngelo Maggi, attore e storico doppiatore di Tom Hanks, Bruce Willis e Robert Downey Jr, prestare la sua voce per accompagnare gli utenti delle piattaforme social in questi straordinari luoghi fiorentini.

Fashion, Music,

Noon by Fedez è la nuova linea di smalti per uomo di Layla Cosmetics firmata dal rapper

Layla Cosmeticsè lieta di annunciare il lancio della collezione “Noon by Fedez”, gli smalti Gel Polishcreati in collaborazione con l’artista italiano. La collezione, composta da sei esclusivi smalti semipermanenti e uno speciale starter kit, deve il suo nome a Fedez che ha desiderato ispirarsi, sin dalla creazione del prodotto, al colore e alla luce del sole prossimo allo zenit, quando ogni tono è restituito nella sua purezza. 

“Noon by Fedez” racconta, con le sue sfumature e la sua energia, le passioni, i sogni, le visioni dell’artista: On Air: Rosso, vivace come brillanti luci led. Moon Safari: Top coat trasparente fluorescente può esser applicato su ogni colore per renderli luminosi al buio. Slime: Giallolime, fluo brillante prende nome dalla sua speciale consistenza sliny. Faded: Gesso, il bianco si perde nella luce. Lobster: Arancio, forte e vivido.000000: Nero, intenso e assoluto. Gli smalti Gel Polish di Layla Cosmetics sono rinomati per la loro qualità e vengono prodotti in Italia nella sede storica del brand. Il packaging,pensato insieme a Fedez, è sostenibile, il contenitore in vetro infatti è avvolto da uno speciale film bio che sostituisce la plastica(Earthfirst® PLA BCFB), una confezione rivoluzionaria e piacevole al tatto, le cui linee sono esaltate da sfumature degradè.

 “Ho un sogno, voglio lanciare la mia linea di smalti e devo ringraziare le amiche di Layla Cosmetics che mi danno sempre fiducia e sono le uniche che possono realizzare il mio sogno”. Fedez “L’incontro con Fedez nasce dal comune desiderio di creare qualcosa di unico per le appassionate e gli appassionati di smalti, un prodotto che concede a tutti di esprimere la propria personalità e giocare con lo stile e i colori, divertendosi e stupendo” Babila Spagnolo, CEO di Layla Cosmetics. Fedez e Layla Cosmeticshanno deciso di devolvere una partedelle vendite al progetto “Piccoli Ospiti”di Fondazione Pangea Onlus, progetto a sostegno delle donne ed i figli vittime di violenza.Gli smalti Gel Polish “Noon by Fedez” sono disponibili singolarmente oppure in due originali e funzionali starter kit che comprendono una lampada Easy Lamp Led, una base top, un buffer, uno sgrassante, un solvente, un nail art brush, due smalti Gel Polish (000000 e Slime oppure On Air e Faded).

Music,

Fuori il videoclip di “La Musica Dentro La Musica Fuori di Random

E’ uscito il videoclip di “(La Musica Dentro) La Musica Fuori”, il nuovo singolo tratto dall’album di Random, “Nuvole” pubblicato il 2 aprile (Visory Records – under exclusive license to Believe). Il video è diretto da Sachidanand Marco Gentile di Ocean Code e vede l’artista cantare in mezzo ai giovani ballerini diretti dalla coreografa Laura Bernardini, e immerso nei “mille colori” della realtà in cui ama perdersi e allo stesso tempo ritrovarsi, una dimensione che vive in lui e attorno a lui in ogni istante della sua vita. 

La traccia è scritta da Random e prodotta da Zenit, che ha affidato al bassista americano Mark Corradetti la registrazione dell’incalzante giro di basso che la caratterizza. Del brano, Random racconta: « È un brano che parla di tutte quelle persone che, pur di non sentirsi escluse da un gruppo o da una situazione, non hanno saputo dire no a circostanze che portano fuori strada, e ora sono “fiori morti” in mezzo a quella via”.»  “Nuvole”, il nuovo album di cui “(La Musica Dentro) La Musica Fuori” è il nuovo singolo estratto, è un disco di crescita in cui il giovane cantautore, dopo il debutto con l’album “Giovane Oro” e l’EP “Montagne Russe”, racconta paure, insicurezze e ferite spronando chi ascolta a inseguire i propri sogni che spesso, per timore, vengono lasciati in sospeso.  

Con oltre 210 milioni di ascolti su tutte le piattaforme digitali Random, non ancora ventenne, è fra i giovani artisti italiani più popolari e già autore di grandi successi: i tre singoli “Chiasso”, “Rossetto” e “Sono un bravo Ragazzo un po’ fuori di Testa” contano un totale di 6 dischi di Platino. I brani sono tutti contenuti nell’EP “Montagne Russe”, uscito a giugno 2020 e certificato Oro.