Instagram has returned invalid data.
Browsing category

Music

Music,

Edizioni speciali in arrivo per i 50 anni di Abbey Road dei BEATLES

L’8 agosto di 50 anni fa la band più famosa al mondo si fermò fuori dagli EMI Recording Studios di Londra per attraversare, in fila indiana, le strisce pedonali di Abbey Road. Con il fotografo Iain Macmillan in equilibrio su una piccola scala e un vigile urbano a fermare il traffico, i Beatles attraversarono avanti e indietro la strada per tre volte, con John Lennon in testa, seguito da Ringo Starr, Paul McCartney e George Harrison. Vennero scattate solo sei foto, di cui la quinta fu la prescelta per la copertina del penultimo album in studio dei Beatles, Abbey Road, che prende il nome proprio dal viale alberato dove hanno sede gli studi di registrazione. Uscito il 26 settembre 1969, Abbey Road non è l’ultimo album dei Beatles, con Let It Be pubblicato nel 1970, ma fu l’ultimo che John, Paul, George e Ringo registrarono insieme. I Beatles celebreranno il 50° anniversario di Abbey Road con una serie di edizioni particolarmente curate in uscita in tutto il mondo il 27 settembre 2019 per Apple Corps Ltd./Universal Music.

Disponibili già in preorder, i 17 brani dell’album vengono presentati con un nuovo mix del produttore Giles Martin e di Sam Okell, in stereo, stereo in alta risoluzione, 5.1 surround e Dolby Atmos, a cui sono state aggiunte oltre 23 tracce tra sessioni di registrazione e demo, la maggior parte dei quali era rimasta finora inedita.

Questa è la prima volta che Abbey Road viene remixato e pubblicato con l’aggiunta di sessioni di registrazioni e demo. Queste ampie nuove edizioni seguono il successo di quelle realizzate per Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band e The BEATLES (‘White Album’), uscite rispettivamente nel 2017 e 2018. Per creare il nuovo mix stereo, il 5.1 surround e il Dolby Atmos, Martin e Okell hanno lavorato con un esperto team di ingegneri e specialisti del restauro del suono agli Abbey Road Studios. Tutti i nuovi formati di Abbey Road contengono il nuovo stereo mix, realizzato direttamente partendo dalle otto tracce dei nastri originali. Nella produzione del nuovo mix, Giles è stato guidato dal mix stereo originale supervisionato all’epoca dal padre George Martin.

 

Il Box Super Deluxe di Abbey Road contiene 40 tracce, compreso un Trial Edit & Mix del leggendario “The Long One”, il medley che occupa gran parte del Lato B dell’album, su tre CD (stereo) e un Blu-Ray (in Dolby Atmos, 96kHz/24 bit High Resolution stereo, 96 kHz/24 bit DTS-HD Master Audio 5.1). Oltre ai 4 dischi è presente un book con copertina rigida di 100 pagine, con prefazione di Paul McCartney, introduzione di Giles Martin e capitoli dettagliati e profondi scritti dallo storico, autore e radio producer Kevin Howlett, che raccontano i mesi che precedettero le sessioni di registrazione di Abbey Road, oltre a un track-by-track e ad annotazioni sulle sessioni, sulla copertina e il photo-shoot, e le prime reazioni alla pubblicazione dell’album. È presente anche un saggio dell’autore e giornalista musicale David Hepworth che esamina le influenze dell’album in questi 50 anni. Il meraviglioso book è corredato da foto rare o inedite, comprese molte scattate da Linda McCartney. Ci sono inoltre immagini mai pubblicate di testi scritti a mano, appunti e persino una partitura di George Martin, ma anche stralci di corrispondenza tra i Beatles, calendari delle sessioni, custodie dei nastri e riproduzioni delle pagine pubblicitarie. Le 40 tracce dell’edizione Super Deluxe saranno disponibili inoltre per l’acquisto digitale e in streaming in risoluzione standard, in MFiT e in High Res 96kHz/24 bit per il download.

 

La versione Deluxe Vinyl Box in edizione limitata contiene le 40 tracce in 3 vinili da 180g. Il disco con il nuovo mix dell’album è contenuto in una busta che riproduce fedelmente l’artwork originale mentre i due LP con le session sono racchiusi in un’altra busta, il tutto in un box apribile con un inserto di 4 pagine. L’edizione Deluxe 2CD contiene le versioni nel nuovo stereo mix, quelle dalle sessioni di registrazioni e i demo dei 17 brani, che seguono l’ordine della scaletta dell’album. I due dischi sono contenuti in un digipack con un booklet di 40 pagine, che riprende in forma ridotta i contenuti di quello dell’edizione Super Deluxe. Il nuovo stereo mix dell’album è disponibile anche in versione 1CD e 1LP in vinile da 180g, in digital download con audio standard e MFiT. Sarà disponibile inoltre una edizione limitata da 1LP Picture Disc raffigurante sui due lati del vinile il fronte e il retro della storica cover di Abbey Road.

Le versioni Super Deluxe e Deluxe Vinyl Box contengono le 23 tracce dalle sessioni di registrazione e i demo presentati in ordine cronologico per data di registrazione.

Un paio di settimane prima dell’uscita di Abbey Road (avvenuta il 26 settembre 1969), Derel Taylor, ufficio stampa della Apple, rivelò che l’album era stato “registrato in sessioni tranquille e professionali, che di solito iniziavano alle 14.00 e continuavano fino a sera”. Milioni di LP di Abbey Road vennero stampati in tutto il mondo. L’album fu un altro degli enormi successi dei Beatles, con lo stazionamento al primo posto delle classifiche di vendita britanniche per un totale di 17 settimane e in cima alla classifica di Billboard negli Stati Uniti per 11 settimane. Per il loro lavoro per Abbey Road, Geoff Emerick e Phil McDonald vinsero il GRAMMY Award® di quell’anno come Best Engineered Recording, Non-Classical. Nel 1995 Abbey Road venne inserita nella Recording Academy’s GRAMMY Hall of Fame, a riconoscimento della rilevanza storica e qualitativa dei lavori discografici. Sin dal suo debutto, la popolarità universale e l’influenza di Abbey Road, l’album più venduto dei Beatles, sono state in continua crescita.

 

 

A partire dall’uscita di Abbey Road, le strisce pedonali di quella strada sono uno dei luoghi più fotografati al mondo, protetti come un monumento storico e visitati da migliaia di fan dei Beatles ogni anno. Dopo il successo dell’album, gli studi di registrazione EMI vennero ribattezzati, per l’appunto, Abbey Road Studios. Di proprietà e gestione di Universal Music Group, sono diventati lo studio di registrazione più famoso al mondo e un’icona della musica mondiale.

 

Alla vigilia dell’uscita delle edizioni per il 50° Anniversario di Abbey Road, il “mondo Beatles” arriverà anche sul grande schermo: Yesterday, la nuova commedia diretta dal regista premio Oscar Danny Boyle (The MillionaireSteve Jobs) con la sceneggiatura di Richard Curtis (Love ActuallyNotting Hill), sarà nelle sale italiane da giovedì 26 settembre, distribuito da Universal Pictures. Nel film Jack Malik (Himesh Patel), giovane cantautore inglese pressoché sconosciuto, viene investito da un autobus in un singolare incidente. Al suo risveglio, è l’unico al mondo a ricordarsi dell’esistenza dei Beatles e dei loro celebri brani.

Già disponibile la colonna sonora Yesterday (Polydor, Universal Music), che include nuove versioni dei successi più amati dei Beatles, interpretate dalla star del film, Himesh Patel (attore inglese divenuto famoso per la serie della BBC “EastEnders”).

 

Music,

Il musical di Ligabue a Milano con Chiara Noschese

Prodotto e organizzato da Live On Stage, dal 26 settembre al 27 ottobre andrà in scena al Teatro Nazionale CheBanca! di Milano il musical “BALLIAMO SUL MONDO”, con testo originale e regia di Chiara Noschese e i più grandi successi di Luciano Ligabue! Protagonisti 13 giovani che in 2 atti e lungo 19 canzoni storiche del Liga si raccontano (e cantano) nell’arco di un decennio da un Capodanno all’altro, da quello alla soglia della maggiore età a quello della maturità 10 anni dopo. Uno spettacolo musicale tutto italiano, una storia inedita e originale, un gruppo di grandi voci, una storia che fa battere il cuore: questo è “BALLIAMO SUL MONDO”. “La scrittura e la regia di BALLIAMO SUL MONDO, sono stati uno dei ‘viaggi’ più belli della mia vita: mentre scrivevo mi batteva forte il cuore per le sorti dei 13 protagonisti – afferma Chiara Noschese  – La musica di Luciano traghetta, con decisione, nell’emozione… l’emozione di una storia semplice, una storia di tutti e per tutti.”

 

L’alba del secondo millennio, raccontata da un gruppo di giovani di provincia. Capodanno 1990: una comitiva di amici si riunisce, come ogni giorno, al Bar Mario per festeggiare l’arrivo del primo anno da maggiorenni. Progetti, speranze, amori, passioni ma anche incertezze, paure e vecchi rancori, s’incrociano sullo sfondo della grande festa.

La promessa di ritrovarsi 10 anni dopo nello stesso giorno è l’unico modo per rendere meno tragica e dolorosa la consapevolezza che niente dopo quella notte resterà uguale. È il momento di diventare adulti…

Il decennio che segue cambierà la vita di ognuno, riservando a ciascuno di loro percorsi e realtà inaspettate. Malgrado tutto, la promessa viene mantenuta.  Capodanno 2000: sarà difficile per il gruppo rimettere insieme i pezzi, eppure, ritrovarsi e ricostruire insieme, diventa inaspettatamente l’unica salvezza per tutti… “Perché dopotutto, nella vita, non è obbligatorio essere eroi.”

 

Le vite dei 13 protagonisti s’intrecciano, scandite dai più grandi successi di Luciano Ligabue, da “Certe Notti” a “Non è tempo per noi”, da “Tra palco e realtà” a “Urlando contro il cielo” e tante altre… tra cui ovviamente “Balliamo sul mondo”, la storica hit del Liga che dà il titolo al musical! Luciano Ligabue ha contribuito al testo con Chiara Noschese, la produzione e gli arrangiamenti musicali sono di Luciano Luisi.

Music,

Joan Thiele nella colonna sonora di Elite su Netflix

Il brano “Armenia” tratto dall’album “Tango” di Joan Thiele  è stato scelto come colonna sonora del 2° episodio della nuova edizione del teen-drama “Elite” di Netflix. La serie che racconta la avventure di un gruppo di liceali della elite spagnola è ritornata quest’anno dal 6 settembre su Netflix. Joan lo ha comunicato ai suoi fan attraverso il suo profilo Instagram

Joan sta tuttora lavorando al nuovo album, che è stato anticipato dal brano “Le vacanze”, interpretato da Joan per la prima volta in lingua italiana.

Music,

Fuori “UEBE” il nuovo album di FRED DE PALMA

“Uebe”, il nuovo album di Fred De Palma, il dominatore delle classifiche dell’estate 2019 con “Una volta ancora” (5 settimane consecutive al n.1 della classifica di vendita ufficiale Fimi/Gfk e stabile ai vertici di Spotify , ITunes, Apple Music, TIMMUSIC e Shazam). Il singolo feat. Ana Mena , un mix perfetto tra bachata e reggaeton, è stato certificato DOPPIO DISCO DI PLATINO per le vendite e il suo video è alla prima posizione su YouTube con oltre 60 milioni di visualizzazioni.

 

“Uebecontiene anche i singoli di successo del “loveking del reggaeton” (“D’estate non vale” e “Una volta ancora” con Ana Mena, “Dio benedica il reggaeton” con Baby K, “Sincera”) e altri nuovi singoli con importati collaborazioni come Sofia Reyes, Baby K, Shade, Emis Killa e Boro Boro.

Music,

Il video di Foggy – My Day girato in Portogallo da oggi su YouTube

Oggi esce su Youtube il videoclip “My Day”, il nuovo brano del musicista e compositore palermitano Francesco Pintaudi (in arte Foggy). Il video, regia di Peppe Coniglio è stato girato in una notte di marzo tra alcuni clubs del centro di Lisbona e Cacilhas. 

 

“My day” rappresenta l’esordio da solista di Foggy, dopo numerose esperienze musicali tra l’Italia (con gli Hank! e nella band di Nicolò Carnesi), Berlino e adesso Lisbona, dove il cantante ha deciso di stabilirsi. Un progetto in cui l’artista fonde le diverse culture con cui è entrato in contatto nel corso di questi ultimi anni, dando vita ad un mix di elettronica fatta di delay, feedback e momenti di improvvisazione con l’uso di samples e drum machine tra dance, funky e ritmi tribali.

 

Scritto e registrato dallo stesso Francesco Pintaudi tra il 2018 e il 2019 a Lisbona (hanno partecipato Daniele Pistone ai cori e Francesco Borrelli al mastering), “My Day” fotografa e immortala una notte nella movida lisboeta: “nel brano descrivo pensieri ed emozioni come se stessi parlando con me stessoracconta Foggy -. La notte può fare paura ma può anche essere rivelatrice, può mostrarci parti di noi destinate a esplodere, può farci toccare il fondo per poi risalire, per chiarirci su dubbi e fantasmi. Tra i vicoli del centro e le acque del Tejo, in una città carica di suggestioni, si continua fino a mattina con un groove di basso in faccia e un gusto anni ’80”.

Music,

Il nuovo album dei MODA’ arriverà ad ottobre

Il nuovo capitolo della storia dei MODÀ, cominciato con il primo singolo “Quel sorriso in volto”, il cui video ha superato due milioni di visualizzazioni in pochi giorni, è ricco di novità!  Il 4 ottobre infatti uscirà il nuovo album di inediti dei MODÀ, prodotto da Friends & Partners – licenza Believe Music. 

 “Quel sorriso in volto”, racconta una storia vera, tradotta in musica da Kekko con il suo stile inconfondibile capace di descrivere una storia d’amore senza mai usare la parola “amore”.

Il video del singolo  utilizza uno stile cinematografico. È stato girato nel deserto di Tabernas, nella Provincia di Almería in Andalusia, nella Spagna, conosciuto per aver ospitato i famosi “spaghetti western” di Sergio Leone. Lo stesso Kekko si è messo in gioco interpretando il protagonista di questa storia d’amore fuori dagli schemi insieme alla conduttrice svizzera Clarissa Tami.

A grande richiesta vengono svelate anche le nuove date del tour che a marzo e aprile 2020 porterà la band nei palasport d’Italia. I Modà si esibiranno a dicembre nei principali palasport d’Italia per un’anteprima del tour e a partire dal 6 marzo raggiungeranno il pubblico di tutta la penisola, raddoppiando così gli appuntamenti al Mediolanum Forum di Assago, Milano (4 dicembre e 28 marzo) e al Palazzo dello Sport di Roma (14 dicembre e 20 marzo).

I Modà sono tra le band di maggior successo in Italia, con all’attivo 6 album e decine di hit. Si formano ufficialmente nel 2002 ed esplodono, dopo una lunga gavetta, nel 2011 con l’album “Viva i romantici”, certificato Disco di Diamante. Hanno conquistato due volte il podio al Festival di Sanremo (con “Arriverà” nel 2011 e “Se si potesse non morire” nel 2013) e si sono esibiti allo Stadio di San Siro nel 2014 e nel 2016. Il loro ultimo album “Passione maledetta” è del 2015.

 La band è composta da Kekko Silvestre (voce, pianoforte), Diego Arrigoni (chitarra elettrica), Stefano Forcella (basso), Enrico Zapparoli (chitarra elettrica, chitarra acustica) e Claudio Dirani (batteria).

Music,

Ecco il video di “Pianeta Blu” di OMAR PEDRINI

Esce oggi il video di Pianeta Blu di Omar Pedrini. Il brano, pubblicato originariamente nel 2014 e contenuto nell’album di Omar Che ci vado a fare a Londra?, torna a distanza di 5 anni per sensibilizzare su un argomento quanto mai attuale: la lotta al cambiamento climatico e l’emergenza ambientale.

Nel video si alternano, in un montaggio veloce e frenetico, immagini – a tratti crude, a tratti poetiche – d’attualità ed estratti dai recenti live di Omar Pedrini. La regia è di Luca e Marco Donazzan, le animazioni sono di Lorenzo Milan.

Il “guerriero” ha deciso di dare il suo contributo alla sensibilizzazione verso le tematiche ambientali ma soprattutto la sua vicinanza alle nuove generazioni con questo video: “Spero dia il suo piccolo grande contributo all’unica guerra che vale la pena di combattere: quella dei cambiamenti climatici”, afferma l’artista.

Proseguono nel frattempo con successo gli appuntamenti live di “Timoria – Viaggio Senza Vento (e dintorni)”, il tour che riporta sui palchi, dopo 25 anni, lo storico disco dei Timoria, Viaggio Senza Vento, ripercorrendo l’intera tracklist dell’album, in cui sono contenuti indimenticabili successi, da “Senza Vento” a “Sangue Impazzito”, da “Piove” a “Verso Oriente”.

Ma anche il brano inedito “Angel”, scritto da Omar Pedrini negli anni di composizione di Viaggio Senza Vento e inedito fino allo scorso autunno, trova ora spazio durante il live. Il Viaggio di Joe raccontato in questo concept album continua, un quarto di secolo dopo, ad emozionare i fan storici dei Timoria, ma anche a farsi conoscere dalle generazioni successive, confermando il proprio posto tra i dischi che hanno fatto la storia della musica italiana.

 

 

Music,

“Come pioggia” il nuovo singolo di FEDERICO BARONI e di LEO LIKE

E’ uscito  “COME PIOGGIA, il nuovo singolo del cantautore Leo Like e del busker più conosciuto d’Italia Federico Baroni! Il brano è prodotto da Twenty aka TwoZero e distribuito da Artist First.

«Siamo rimasti gli stessi bambini che giocano con le nuvole e che crescendo, nel cielo, non vedono più forme ma una via per fuggire – racconta Leo Like – Proprio per andare contro i dettami del mercato musicale estivo, abbiamo scelto sin dal titolo di raccontare qualcosa di nuovo. “Come Pioggia” racconta ed esprime quella voglia di fuggire e di ritrovare quella parte di noi che ha già fatto le valige e che ci sussurra continuamente all’orecchio “Scappa”»

 

Classe 1995, Leo Like nasce e cresce a Milano, prendendo ispirazione dalle penne di Ghemon, Mecna, Bassi Maestro e dai migliori artisti dell’Unlimited Struggle. A 19 anni, con uno zaino e un ukulele, inizia a viaggiare per il Sud America raccogliendo ispirazione per il suo primo album “A microfoni spenti” (2016), parte anche di un lungo percorso di studio e di ricerca che porterà Leo da rapper a cantante. A giugno 2019 pubblica il progetto “Il disco che avrei fatto a 8 anni”, il primo disco scritto con le mani di un bambino, cantato con la voce di adulto.

 

Federico Baroni, classe ‘93, è un cantautore e busker nato a Cesena e cresciuto a Rimini. Con oltre 47.000 followers su Instagram, 800.000 stream su Spotify, 26.000 iscritti e 4 milioni di visualizzazioni su YouTube, 20.000 fan su Facebook, Federico è il busker più seguito d’Italia. Nel 2015 intraprende un Summer Tour da busker per le strade di tutta Italia, accompagnato da due videomaker che documentano l’esperienza. Nel 2016 viene notato dai giudici di “X-Factor”, che lo portano ai Boot Camp. Lo stesso anno viene chiamato da Fiorello a “Edicola Fiore“, dove presenta live un suo brano inedito. Nel 2017, dopo aver lasciato un demo a Maria De Filippi, entra ad “Amici”. Dopo l’esperienza televisiva inizia subito a suonare su importanti palchi per grandi brand (Bulgari) ed eventi (Grand Prix Formula E su Italia 1). A gennaio 2018 pubblica con Artist First il suo primo singolo, “Spiegami”. Il 24 giugno esce il suo secondo singolo, “Domenica”, un featuring realizzato con i producer Kharfi e Veerde. Il 17 novembre esce il suo terzo singolo “Non Pensarci”, scelto tra i 69 finalisti di Sanremo Giovani. Ad aprile 2019 esce l’omonimo album d’esordio, presentato con il primo “outstore” in Italia. Il disco esordisce alla posizione 22 della classifica FIMI dei dischi più venduti in Italia. Si è appena concluso con successo il suo nuovo “Street Tour” nelle principali città italiane. Il 30 luglio Federico Baroni aprirà il concerto di Max Gazzè al festival Suoni di Marca a Treviso, mentre il 3 agosto sarà protagonista di un live alle Grotte di Castellana (BA) in occasione della rassegna culturale “Grotte d’Estate”.

 

Music,

“Sei un disastro” fuori il primo singolo di GARA

“Sei un disastro”, primo singolo estratto dall’album d’esordio del cantautore piemontese.L’artista presenterà il brano oggi stesso in anteprima in occasione della finale regionale della Toscana del Premio “Mimi Sarà” (Associazione minuetto casa Mia Martini) che si terrà alla Bussola di Viareggio.“Sei un disastro” (etichetta Giga s.r.l) è il primo singolo di GARA, nome d’arte del cantautore piemontese Giuseppe Garavana, in uscita oggi in radio e in digital download. Il brano, estratto dall’album d’esordio “Senza senso”, sarà presentato oggi stesso in anteprima in occasione della finale regionale della Toscana del Premio “Mimi Sarà” (Associazione minuetto casa Mia Martini) che si terrà alla Bussola di Viareggio.

“Sei un disastro” è un brano autobiografico, che racconta di alcune disavventure sportive ed artistiche dell’infanzia e dell’adolescenza di GARA: “Ognuno di noi ha dei difetti e un sacco di ‘talloni d’Achille’ – racconta il cantautore piemontese -, ma l’importante è seguire le proprie passioni ed impegnarsi in ogni situazione. Questo è il messaggio di questa canzone che definisco ‘reggae and roll’, ed è dedicata a tutti coloro a cui non è mai stata dedicata una canzone”.

 

Giuseppe Garavana nasce a Vercelli nel 2000. Conosce la musica da sempre, grazie all’influenza paterna ascoltando i dischi dei Pink Floyd, Led Zeppelin, Supertramp, Eagles ed Eric Clapton. Sin da bambino intraprende studi sulla chitarra e sul pianoforte con docenti di diverse scuole di pensiero per cercare di avere un’ecletticità e un’apertura il più completa possibile. Inizia ad assaporare i dischi dei grandi cantautori italiani (Bennato, Vasco, Faber, Finardi in particolare), e da lì nasce la passione per il canto e la scrittura musicale. Ha militato in vari gruppi del vercellese per fare esperienza e usa tutto il suo tempo libero nella ricerca dei suoni, leggendo tutto ciò che à arte o poesia che unita alle note diventano canzoni. Durante il liceo musicale, Giuseppe frequenta anche il CPM di Milano, una scuola fondata da Franco Mussida per lo studio dei linguaggi musicali moderni: pop, rock e jazz. Questa scuola permetterà a Giuseppe di entrare a far parte dell’Associazione Minuetto “Mimi Sarà” dedicata a Mia Martini, dove il presidente Enzo Adriani si accorge di lui. Grazie all’associazione, Giuseppe condivide il palco con Ornella Vanoni, Anna Tatangelo, Amedeo Minghi, Alessio Bernabei, Luisa Corna, Omar Pedrini, Pupo, Loredana Errore, Mario Venuti e altri. Nel 2018 a soli 18 anni durante il tour estivo dell’associazione tra le note della chitarra e quelle del pianoforte stando a stretto contatto con altri ragazzi nasce un’intesa artistica con Raffaele Moretti. Ed e proprio nelle sere d’agosto che tutti i pensieri le parole e i sogni di Giuseppe prendono forma. Nel 2019 finalmente completa il suo primo lavoro un album di 9 brani di cui 7 inediti e 2 cover dal titolo “Senza senso” album interamente scritto e tratto dal suo vissuto pur essendo molto giovane, prende il nome artistico di “GARA” ispirato dalla grande gara quotidiana della vita e abbreviando il suo cognome.

Music,

Renga torna con il suo “L’altra metà Tour” in autunno

Partirà in autunno, l’11 e il 12 ottobre dal Teatro degli Arcimboldi di Milano, “L’altra Metà Tour” di FRANCESCO RENGA, un tour di oltre 40 date che lo vedrà protagonista fino a dicembre sui palchi dei principali teatri italiani per presentare al pubblico della penisola il nuovo disco “L’altra metà” e i suoi più grandi successi.

Accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso), Francesco durante il tour sorprenderà il suo pubblico con uno spettacolo coinvolgente ed emozionante, e una scaletta nuova in cui troveranno spazio le indimenticabili hit del suo repertorio e i brani estratti dal suo ultimo e ottavo disco di inediti.

“L’altra metà”, prodotto da Michele Canova Iorfida, è un album composto da 12 brani dal sound e dal linguaggio contemporaneo e rappresenta l’altra metà della vita, della storia, della musica di Francesco Renga: un altro capitolo, caratterizzato da nuove consapevolezze e forme, sonore e linguistiche. Attualmente è in radio il nuovo singolo “Prima o poi, scritto da Gazzelle, Luca Serpenti e lo stesso Francesco.

 

Music,

Si chiamerà “Arte” il primo album di MAMBOLOSCO

Uscirà venerdì 13 settembre “ARTE”, il primo album di MAMBOLOSCO. Il trapper italoamericano arriva a pubblicare il suo primo album dopo due anni di singoli e collaborazioni. Un lungo elenco che comprende il suo maggiore successo “GUARDA COME FLEXO”, che ha ottenuto il disco di PLATINO e il follow up “GUARDA COME FLEXO 2”,  già disco d’oro. 

MAMBOLOSCO, in questi due anni, ha dimostrato di essere un fattore di successo anche per i brani degli altri come dimostra la collaborazione con YUNG FELIX in “LOCO” e quella con BORO BORO in “LENTO”.

ARTE”, pubblicato da Virgin Records (Universal Music Italia), segna un traguardo importante per MAMBOLOSCO e raccoglierà pensieri, ricordi, racconti non solo di questi due anni ma di tutta la sua vita passata tra Italia (dove è nato) e Stati Uniti (dove è cresciuto e torna spesso per ritrovare la sua famiglia paterna).

 

ARTEsarà la prima occasione per MAMBOLOSCO per riflettere non solo sulla sua vita personale ma anche su quella artistica, un lavoro cresciuto negli anni anche grazie al collettivo che si è formato a Vicenza (la sua città natale) e con il quale Mambolosco ha non solo scritto, registrato e prodotto questo disco ma anche tutto quello che riguarda il contorno di un album (foto, grafiche ecc..).

MamboLosco ha iniziato la sua carriera postando video su YouTube (tra gli altri “Mama I did It Again”, in collaborazione con Luscià e “Come se fosse normale” realizzato con Nashley), l’artista vicentino di padre americano e mamma italiana ha utilizzato questa sua unica imperfetta capacità di parlare sia l’italiano che l’inglese a suo vantaggio, costruendo un linguaggio musicale peculiare e distintivo (come nel singolo “Giovanotti”) che unisce la trap italiana alla wave americana.

Parte del collettivo SUGO GANG, tra gli altri brani pubblicati da Mambolosco troviamo “Cristiano Romambo parte 1” realizzato con Lama, e “Mille Giri” in collaborazione con Lil Lagio.

La notorietà arriva però con i singoli “Me lo sento” feat. Nashley  e “Guarda come flexo” feat. Edo Fendy.

L’enorme successo di queste ultime canzoni ha consentito a Mambolosco di farsi conoscere nell’ambiente rap diventando uno dei NEXT BIG THING della scena trap, talento confermato anche da brani come “420”, “Piano piano Way e “Soldi e vestiti di marca.

Grazie al suo talento e al suo unico modo di comunicare, MamboLosco ha trovato un posto all’interno della 777 Entertainment (l’etichetta della Dark Polo Gang, management di Mambolosco) e dopo “Guarda Come Flexo 2”, “Bingo”, “Loco”, il remix italiano del successo del DJ e produttore n.1 olandese YUNG FELIX e “Arcobaleno” è ora pronto per presentarsi al suo pubblico con un vero e proprio progetto discografico.

Music,

“How Do You Sleep?” è il nuovo singolo di Sam Smith

How Do You Sleep?” è il nuovo singolo di Sam Smith in collaborazione con il team di cantautori/produttori di fama mondiale Max Martin, Savan Kotecha e ILYA.

Parlando del nuovo singolo, Sam Smith spiega: “Quest’anno sia a livello personale che musicale mi sento  libero. Mi sono divertito più che mai a realizzare questo disco e il video. E’ ora di ballare…”

 

Il nuovo brano segue il recente singolo “Dancing with a Stranger”, un duetto di Sam Smith e Normani che ha registrato sei milioni di copie vendute e oltre 1 miliardo di  stream (il singolo è stato al numero uno dell’airplay negli Stati Uniti e nel Regno Unito ed è stato certificato platino in 15 paesi) e il successo mondiale dell’estate scorsa, “Promises” in collaborazione con  Calvin Harris.

Nel corso della sua carriera Sam ha venduto oltre 22 milioni di album in tutto il mondo e ha ricevuto quattro Grammy Awards, tre BRITs, un Academy Award e un Golden Globe per la migliore canzone originale (Writing’s On The Wall, parte della colonna sonora del film Spectre della seria di James Bond).

 

Music,

“2 gocce di vodka” per l’estate di TORMENTO

“2 Gocce di Vodka” è il titolo del secondo singolo di Tormento, che arriva in radio venerdì 26 luglio e si appresta a bissare il grande successo ottenuto da “Acqua su Marte” interpretato insieme all’amico J-Ax, scelto da SkySport come sigla dei Mondiali di Calcio Femminili.

“…io sono Vasco e tu Albachiara, siamo una favola italiana…” canta Tormento in un brano dalle sonorità pop che racconta di un rapporto tra due persone con un diverso modo di amare ma solo apparentemente distanti. “2 Gocce di Vodka” è stato scritto da Tormento insieme a Raige e Davide Simonetta, con la produzione degli SDJM.

Così il rapper sul nuovo singolo: “Lui e Lei non vanno d’accordo mai. Tranne quando decidono di trovare un punto d’incontro. Così distanti, così vicini. Così diversi eppure così simili. Caratteri opposti che quando si uniscono, si completano. Io dico che stasera non ho voglia di uscire, tu stai già cercando un ristorante all’aperto. Quando il lato maschile decide di fare un passo verso il lato femminile trova la soluzione, l’equilibrio.”

Nato con i Sottotono, con i quali ha venduto oltre 500.000 di dischi stravolgendo la scena urban degli anni 90, Tormento è stato un precursore del rap in Italia quando non era ancora ‘mainstream’, ed è tuttora una figura molto stimata nell’ambiente musicale italiano, anche grazie alla sua vocazione di cantante e soulman.
Tormento è un riferimento autorevole per le nuove generazioni del rap e della trap, ed ha contribuito alla crescita di molti artisti di questo genere. Tra le sue tante collaborazioni ricordiamo quelle con Gué Pequeno dei Club Dogo, Primo Brown dei Cor Veleno, Salmo, Coez, Emis Killa, Willie Peyote, Bunna degli Africa Unite, Al Castellana, ma anche con Giorgia e con Tiziano Ferro.
Music,

“Incancellabile” è il singolo di debutto di NOE ft JEIK

E’ “Incancellabile” il singolo di esordio di  Noemi Cappello, in arte NOE, vincitrice di AW LAB IS ME Music Edition, brano che si avvale della produzione di Big Fish e la distribuzione di Sony Music Italia. In featuring con Jeik, un giovane artista della nuova scena rap italiana, e la collaborazione dei producer .

 

“Due artisti si immedesimano in una storia divisa tra il loro amore e i loro sogni. Ci sono scelte che potrebbero dividere le loro strade. Si racconta la speranza di qualcosa che è difficile da dimenticare , un continuo ed altalenante scontro d’amore. Un ricordoche resta incancellabile.” ha dichiarato la nuova protagonista della scena musicale italiana.

NOE nasce l’8 settembre 1999 sul Lago Maggiore, dove vive e lavora.
Un talento cristallino emerso grazie alla recente vittoria del contest AW LAB IS ME Music Edition, sancita dal giudizio di rilevanti professionisti del settore musicale e lifestyle tra cui lo stesso Big Fish, Jake La Furia, Anastasio e Chadia Rodriguez.

 

 

Music,

“È sempre bello in tour” di COEZ anche in autunno

Dopo le tre anteprime al Palazzo dello Sport di Romail 28 maggio (SOLD OUT), 29 maggio e 31 maggio, COEZ registra un altro successo: è sold out infatti la data di Milano del È SEMPRE BELLO IN TOUR, prevista per il prossimo 27 ottobre al Mediolanum Forum. Ma non è tutto: vista la grandissima richiesta, il cantautore romano salirà nuovamente sul palco del Forum per una nuova, imperdibile data, il 26 novembre.

COEZ è pronto quindi a ripartire con È SEMPRE BELLO IN TOURil progetto live prodotto da Vivo Concerti, che tornerà il 29 settembre su uno dei palchi culto della musica italiana, quello dell’Arena di Verona, e proseguirà in autunno nei palazzetti più importanti d’Italia, passando per Torino, Ancona, Milano, Livorno, Firenze, Bologna, Acireale, Napoli, Bari.

 È SEMPRE BELLO IN TOUR segue il successo del nuovo disco È SEMPRE BELLO, uscito il 29 marzo per Carosello Records, che ha debuttato direttamente al primo posto della classifica FIMI/Gfk degli album più venduti della settimana che comprende cd, download e streaming, e nellatop 3 dei vinili più venduti,insieme al singolo omonimo che l’ha anticipato, certificato Doppio Platino. Il nuovo singolo,“Domenica”, tra i brani più trasmessi dalle radio, è stato certificato Disco di Platino.

È SEMPRE BELLO è il quinto disco solista di Coez ed è composto da 10 tracce potenti che segnano la crescita di uno dei cantautori più interessanti del panorama musicale italiano, entrato a pieno titolo nella storia dello streaming e della discografia, che con i suoi claim e la sua scrittura ha dato il via in Italia a un genere crossover tra rap e pop con cui ha dominato le classifiche, collezionando 20 dischi di platino e diventando portavoce della sua generazionee simbolo del nuovo cantautorato italiano.

 

 

 

 

 

 

 

 

Music,

JOVANOTTI ripropone “Luna” di GIANNI TOGNI

A sorpresa sbarca sulla terra LUNA, nella nuova versione di Jovanotti prodotta e arrangiata da Rick Rubin. Il celebre brano di Gianni Togni del 1980, è la canzone che Lorenzo ha scelto per festeggiare i suoi 50 anni dall’allunaggio del 20 luglio 1969.

“Il bianco e nero della diretta della Rai con Tito Stagno e Ruggero Orlando – racconta Lorenzo- è il primo ricordo cosciente della mia vita. Intendiamoci, avevo 3 anni e non sapevo chi fossero e cosa stessi guardando, l’ho scoperto molto dopo, ma ho quel ricordo nell’iride ed è lì stampato da quella sera. Me lo tengo stretto. In quel ricordo ci sono i miei genitori, i miei fratelli, la mia infanzia e tutto il mio futuro. Luna. 20 luglio 1969.”

La luna è una presenza costante nell’opera di Lorenzo e quella notte del 1969 è ben radicata nella sua storia personale come in quella del mondo intero. Impegnato nel trionfale giro del Jova Beach Party Lorenzo racconta quanto sia stato profondo il segno che quella sera di 50 anni fa ha lasciato nella sua vita.

Succede che i fatti storici entrino nella nostra vita segnandola per sempre, e io ogni volta che in questi 50 anni ho rivisto una di quelle immagini ho pensato a lei, alla luna, e a noi, io a tre anni nella stanza con i miei genitori i miei fratelli e una nonna che era venuta a Roma ad aiutare la mia mamma che era appena tornata a casa con mia sorella che era nata. Mi sono innamorato di una donna che è nata in quei giorni, e nella mia musica la luna è la parte che governa le maree interiori, è importante starla a sentire, la voce della luna, come il titolo dell’ultimo film di Fellini, l’astronauta del nostro inconscio.”

Intanto Nuova Era, il brano tratto dall’Ep Jova Beach Party, riconquista la prima posizione dei brani più suonati in radio. Uscito un mese prima del debutto del Jova Beach, la Nuova Era di Jovanotti accompagna le feste in spiaggia e, fin dall’uscita, non ha mai abbandonato le prime posizioni della classifica. La sfida della nuova invenzione di live di Jovanotti ha già reso le spiagge di Lignano, Rimini, Castel Volturno e Marina di Cerveteri nuovi dance hall per decine di migliaia di persone. Trasformare quel confine tra terra e mare significa riempire la spiaggia illuminata dalla Luna di contenuti e farla diventare un luogo di incontro e di scambio. A 50 anni dallo sbarco, il Jova Beach è la Luna di Lorenzo che, ancora una volta, la vuole omaggiare con un brano della nostra storia che ha colpito anche Rick Rubin.

“Come tutti mi fermo a guardarla in certe notti, e come tutti mi emoziono. Così tempo fa mi sono ritrovato a giocare/suonare con qualche canzone che parla della luna e che amo. Eccone una, registrata in un giorno di marzo a Malibu con Rick Rubin che era sorpreso da questa bella melodia, che in America nessuno conosce e che qui è un pezzo famosissimo, di Gianni Togni e della nostra adolescenza. Ho cantato anche i cori alla Beach Boys, non lo avevo mai fatto di armonizzarmi in falsetto, ma con Rick fare musica è un’esplorazione continua. W la luna! W lo spirito della scoperta! W la musica!”

L’EP Jova Beach Party contenente Nuova Era, è disponibile dappertutto e solo in spiaggia in una preziosa edizione limitata.

Music,

“Superficiale” ma non troppo! Fuori il nuovo singolo de LA BADANTE

Dopo l’esordio di appena un anno fa con l’album “L’Amore è un algoritmo borghese” – che ha superato il milione di streaming e in Spagna ha raggiunto il 4° posto iTunes tra gli album più venduti – il collettivo musicale LA BADANTE debutta col primo singolo inedito, dal titolo “Superficiale”, un’ironica denuncia della forma mentis più diffusa del nostro tempo: la superficialità.

 

Un testo che resta in testa e che da sfogo da urlare si trasforma in inno al “trionfo occidentale”, quello che ci vede “sfoggiare zelo e compiacimento erudito”. E che ci porta sulle note all’ammissione generale di colpa: in fondo, lo siamo tutti un po’ superficiali.

L’uscita del singolo è accompagnata da un video che come in un ping-pong di commenti e risposte spalmate (e spammate) su tutti i mezzi digitali, rilancia il linguaggio dell’indignazione a colpi di GIF . Del resto, “non c’è una ragione per la quale io non dica sempre quello che penso: antivaccinista per di più terrapiattista, io sono questo, sono così: superficiale.”

Il collettivo La Badante continua a essere entusiasta del proprio anonimato e a tutelarlo, sicuro che in un futuro prossimo ognuno potrà ambire a 15 minuti dello stesso.

Con l’album d’esordio “L’Amore è un algoritmo borghese”, LaBadante aveva tradotto in italiano e reinterpretato i pezzi del fenomeno mainstream spagnolo Fangoria, costruendo un album dal mood retro, in chiave contemporanea.

Con “Superficiale”, porta il suo sguardo ironico e dissacrante nel contesto attuale, ma senza rinunciare a riferimenti musicali solidamente pop.

Music,

“Get Down” e’ il nuovo singolo di KAY ft TALINKA

Una pubblicazione che cambia gli schemi della discografia e mette insieme electro, dance e latin.
Si intitola “Get Down ” feat Talinka ed è il nuovo singolo del dj e producer KAY, Un brano, quello annunciato, che vuole azzerare ogni confine ed ogni barriera tra il genere urban e le sonorità elettroniche, in piena conformità con le tendenze musicali dance mondiali del momento“Get Down” è il primo singolo estratto dal suo nuovo album che uscirà entro la fine del 2019 distribuito da Sony. Sia “Get Down” che i successivi singoli saranno presentati live durante le serate MUCHO IBIZA (tutte le domeniche all’Ushuaïa fino al 25 agosto) e RICHBITCH (tutti i lunedì all’Hï fino al 26 agosto), entrambe residenze estive di KAY, dj resident a Ibiza per la terza estate consecutiva. Con una lunga storia alle spalle nei club più importanti della nostra penisola e nella nightlife Italiana ed europea, oltre alle live performances con il rapper americano Fatman Scoop, Kay è ormai sulla scena internazionale aprendo e suonando negli shows di artisti mondiali del calibro di Bad Bunny, Daddy Yankee, Nicky Jam solo per citarne alcuni esibendosi sotto le luci dei Latin Grammy Awards all’Omnia Nightclub di Las Vegas.
Music,

JEFF GOLDBLUM DA GLASTONBURY ANNUNCIA L’USCITA DEL SUO SECONDO ALBUM

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno con il suo album di debutto, Jeff Goldblum ha annunciato la pubblicazione di un secondo progetto discografico con Decca. L’annuncio è stato fatto dal palco West Holts del Glastonbury Festival durante la sua esibizione nel pomeriggio di domenica scorsa. Jeff ha rivelato di essere stato nello studio di registrazione di Los Angeles con la sua band “The Mildred Snitzer Orchestra” insieme a una serie di ospiti veramente speciali. Il carismatico attore hollywoodiano è entusiasta di lavorare al nuovo disco che sarà pubblicato entro la fine dell’anno:

“Fare un altro album con gli il fantastico team Decca mi fa letteralmente fluttuare in aria. Spero solo che gli ascoltatori percepiscano quello che ho provato quando abbiamo realizzato il disco – un album esplosivo. È fantastico poter rivelare qualcosa del progetto proprio qui a Glastonbury!” dichiara Goldblum. Jeff Goldblum ha suonato il pianoforte per gran parte della sua vita e si è esibito con la sua band negli ultimi 30 anni. Fondamentale per Jeff è stato però l’anno in cui ha accompagnato la star soul-jazz Gregory Porter durante il Graham Norton Show della BBC nel corso della quale l’attore attirò l’attenzione dei dirigenti Decca che gli suggerirono di realizzare un album. Dopo una serie di brillanti recensioni sulla stampa seguite da esibizioni dal vivo in prestigiosi jazz club e locali a Londra, Parigi e Berlino, ottenendo numerosi elogi da parte della critica, Goldblum ha raggiunto con “The Capitol Studios Sessions” il primo posto della classifica jazz sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti.

Quello che è stato uno spettacolo di varietà jazz sempre gremito di pubblico al Rockwell Table and Stage di Los Angeles proposto nel corso degli ultimi cinque anni è ora condiviso con tutti per la gioia degli innumerevoli fan di Goldblum. Al Glastonbury Festival è salito sul palco con l’acclamata cantautrice Sharon Van Etten. Il leggendario spettacolo dal vivo di Jeff interseca da sempre il suo amore per il jazz con la sua passione e le sue straordinarie abilità nell’improvvisazione.

Il vicepresidente della Decca Records, Tom Lewis, afferma: “È impossibile non sorridere in compagnia di Jeff Goldblum. Jeff sprigiona fascino e sa renderti felice. Sono così eccitato che Glastonbury abbia sperimentato una dose della sua magia. Siamo rimasti colpiti dall’incredibile risposta a livello mondiale ricevuta dal suo primo album. Il suo è stato un debutto di altissimo livello all’interno del repertorio Jazz dello scorso anno, se non il più grande. Il suo nuovo progetto sarà una vera sorpresa”.

 

Music,

Fuori il nuovo singolo di Laura Ciriaco: Estate Nucleare!

È online su Youtube il videoclip (regia di Brace Beltempo) di “Estate Nucleare” (etichetta Groove it),il nuovo singolo della cantautrice abruzzese Laura Ciriaco, attualmente in radio e disponibile in digital downaload. 

“Con ‘Estate Nucleare’ci siamo immaginati come sarà il mondo in uno scenario in cui la condotta umana porterà a cambiamenti estremiracconta Laura Ciriaco-. Il telegiornale non da più notizie, il mondo finanziario è scomparso, le comunicazioni sono interrotte, i cellulari sono fritti, i social non servono più. I pochi superstiti hanno a che fare con problemi ambientali ormai irreparabili. Quando tutto ciò che abbiamo costruito ci avrà distrutto, dovremo per forza aprire gli occhi e fare le giuste scelte. Prima che questo accada dobbiamo andare alla ricerca di ciò che ci tiene davvero uniti e ci fa sopravvivere. Abbiamo voluto trattare questo argomento con un pizzico di ironia, mandando un messaggio di amore per noi stessi e per il nostro pianeta. Il veicolo è un brano elettro-pop, solare, che muove e fa ragionare, che aiuta a trasferire il messaggio forte e chiaro…nell’Estate Nucleare!

 

Laura Ciriaco inizia a suonare il pianoforte già all’età di 4 anni e a soli 11 anni entra al conservatorio, però lasciato ben presto; la sua vera passione è usare il piano per accompagnarsi mentre canta. E così farà per lungo tempo. È nel 2005 che la sua vita prende un’inaspettata piega: Paolo Del Vecchiola seleziona come partecipante al Premio Mia Martini 2005, dove raggiunge la finale, e dove Laura farà un altro importante incontro, Franco Fasano, con cui negli anni rimarrà in contatto, sviluppando un rapporto professionale che dura a tutt’oggi. Nella serata finale, sfidando 30 concorrenti provenienti da ogni parte d’Italia, Laura vince una borsa di studio per l’Accademia MAS Music Art and Show di Milano, che frequenterà con successo fino al conseguimento del diploma in Performing Arts.

Inizia così l’avventura che la porterà al suo primo singolo: il trasferimento dall’ Abruzzo a Milano e le prime band con musicisti professionisti; formazioni elettriche e acustiche, repertori pop, rock, funk, soul, gospel. Nel 2009, con la sua band i Neroré,si aggiudica il Premio Mogolcome “miglior testo” in occasione di un concorso per brani inediti. Tra il 2008 e il 2010 la prima esperienza di turnista corista negli spettacoli gospel “Stand Up! A Gospel Revolution” e “Stand Up! The New Revolution”, prodotti da CeCe Rogers, che la portano in tour in tutta Italia. Nel 2015 una collaborazione importante: i cori per un disco di produzione di Piero Cassanoe Fabio Perversi(Matia Bazar). Sempre nel 2015 pubblicaComequandofuoripiove con i Nerorè. Nel 2018, Laura partecipa a The Voice of Italy, stupendo l’Italia con il suo timbro vocale unico e la sua energia contagiosa, raggiungendo la semifinale, e a Sanremo Giovani, arrivando in finale. Nello stesso anno pubblica Qualcosa Di speciale e L’Inizio. Ad aprile 2019, a distanza di 10 anni dal terremoto dell’Aquila, esce il singolo “Macerie” (etichetta Groove it),con videoclip: