Instagram has returned invalid data.

Blog Archives

Music,

Samuel Heron: la moda è confusa, ostentata e omologata!

La musica, è ciò che più mi fa avvicinare alla serenità, da me tanto ambita.
La mia musica è il mezzo attraverso il quale riesco ad esprimere ciò che sono veramente, il ritorno alla genuinità, a quell’artigianato, figlio del nostro patrimonio culturale, ormai quasi perduto.
Per guardare al futuro, bisogna riscoprire i valori del passato, ora più che mai.

La moda, riflette esattamente la società, ultimamente infatti, è confusa, ostentata, ed omologata.
L’alta moda è diventata per tutti, perdendo quell’esclusività e quella classe, che ha sempre contraddistinto la sua eleganza ed il suo tenore. Io ho sempre creato la mia moda, attraverso capi iconici, che ho portato come bandiera rappresentativa del mio personaggio.Maglietta bianca, coppola e mocassino, questa è la mia moda, questa è la mia eleganza, se pur semplice.

Fashion,

Anteprima celebra Topolino e Minnie con una capsule di borse

L’iconico Topolino e la sua fidanzata Minnie diventano protagonisti di una capsule di borse del marchio Anteprima disegnato da Izumi Ogino in collaborazione con la Walt Disney. Una nuova partenership che arriva dopo il successo della capsule dedicata a Frozen 2 realizzata per l’autunno-inverno 2019. La capsule Topolino comprende tre borse, viste sulla passerella della collezione autunno-inverno 2020, e una selezione di altre bags in vendita negli store Anteprima in Italia, Giappone e Cina. Si parte dall’iconica Wirebag (modello originale lanciato nel 1998 fatto di fibre tech intrecciate a mano), che diventa una clutch tridimensionale nella forma dei volti di Topolino e Minni, del diametro di 15.5 cm e nelle classiche tonalità di colore nero, con un motto di rosso per il fiocchetto di Minni.

Un accessorio piccolo ed elegante, che nel suo speciale materiale e nella sua texture diventa un piccolo gioiello da portare a mano, dalla vena ironica ma che ben si sposa con tutta la collezione Anteprima. La ball-shape Wirebag è funzionale grazie alla sua forma tondeggiante possiede infatti una buona capienza, e la catena removibile lunga 110 cm, fornita al”interno, permette di portare la borsa sia a mano che a spalla che crossbody adattandosi ai look più formali a quelli più casual. Ogni borsa è tessuta lavorando minuziosamente dei piccoli fili pvc di due millimetri, dotati di una grande leggerezza ed elasticità. Si aggiungono infatti alla collezione altri modelli come la Flat Luggage 24/7 item iconico di Anteprima, realizzata in una versione più grande con un manico più lungo e flessibile, declinata in una versione rosa e rossa e sempre con protagoniste le sagome delle due icone Walt Disney.            (Ansa)

Fashion,

Rodenstock omaggia le grandi dive degli anni 60

Grazie a design provenienti dai suoi preziosi archivi, Rodenstock presenta una collezione di eyewear sole senza tempo. Le nuove montature, esclusive ed innovative, rappresentano degli autentici simboli della storia del brand e della sua capacità di guardare al futuro: un mix di semplicità, comfort e creatività. Muse ispiratrici della nuova collezione eyewear sole di Rodenstock alcune grandi dive degli Anni ’60 che in quel decennio indossavano gli occhiali del brand tedesco. Attrici indimenticabili che hanno fatto la storia del cinema internazionale e che, ancora oggi, sono prese ad esempio per la loro infinita classe. Senta Berger, Marianne Koch, Sofia Loren ed Elke Sommer, volti e icone di uno stile eterno. Alla loro immensità ed alle emozioni che hanno regalato ad intere generazioni, è dedicata la collezione raffinata di Rodenstock.

In un mondo sempre più complesso, c’è una crescente domanda di design che sappiano stupire e farsi scegliere in modo immediato. La nuova collezione Rodenstock, attraverso linee semplici, unisce un forte senso dell’estetica alla funzionalità dei materiali. I nuovi modelli, dallo stile minimal, sono pensati per un utilizzo quotidiano di grande stile, simboli di femminilità ed eleganza romantica. La linea Sun Highlights  rappresenta il massimo comfort unito ad un design moderno. Sinonimo di un look raffinato e dal twist classico, propone modelli da indossare grazie alla combinazione di materiali di alta qualità in titanio e RXP®. Il design delle aste li vuole molto sottili ed estremamente leggeri. Effetti 3D per la linea Layered, la cui combinazione di acetato trasparente produce un effetto straordinario che dona a questi modelli un aspetto tridimensionale. Realizzati in acetato italiano di alta gamma, simboleggiano la qualità che Rodenstock rappresenta nel mondo da sempre. Tradizione e tecnologia, un binomio che rappresenta Rodenstock dal 1877, anno della sua fondazione.

 

 

 

 

Fashion,

SUPERFUTURA le nuove sneaker by MOACONCEPT

Le chunky sneaker Moaconcept SUPERFUTURA sono senza alcun dubbio il trend meglio accolto dagli appassionati di sneaker internazionali. Rientrano a pieno titolo in questo segmento e sono state accolte da protagoniste dai trend  setter di questa fenomenale ed eclettica industry. Proposte per la Donna, le Superfutura vanno dai make up total white a quelli più eccentrici,  con dettagli laminati, inserti animalier o con utilizzo di tessuto bouclé. Le suole oversize in gomma ultraleggere forniscono il massimo comfort pur consentendo le maxi dimensioni di questi modelli divenuti i nuovi must have del brand.

Una collezione di forte impatto che affianca la main collection Master of Arts, la linea identitaria e fondante del successo di Moaconcept nel mondo.

Le Moaconcept Superfutura sono in vendita nei migliori retailer internazionali e su www.moaconcept.com

Fashion,

Gilberto Calzolari sarà l’ospite d’onore alla China International Import Expo

 Si rinnova, dopo il successo dello scorso anno, l’appuntamento con il China International Import Expo, la manifestazione fieristica promossa dal Ministero del Commercio cinese e dalla Municipalità di Shanghai, riservata ai produttori esteri interessati a espandere il loro business nel territorio cinese. Dal 5 al 10 novembre l’importante kermesse – fortemente voluta dal presidente Xi Jinping – permetterà alle aziende straniere di presentare i loro prodotti e servizi con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione e promuovere lo sviluppo di un’economia globale anche grazie a un forum internazionale e alla presenza di una versione speciale di Expo con i Padiglioni di tutti i Paesi presenti. Tra questi l’Italia sarà tra gli ospiti d’onore e, nella sezione della moda, sarà presentata da un talento d’eccezione, lo stilista Gilberto Calzolari che porta per la prima volta in Oriente il suo brand di prêt-à-porter high-end dall’animo green, vincitore del Green Carpet Award 2018 come Best Emerging Designer, da sempre attento ai valori di sostenibilità ambientale e qualità, eleganza ed esclusività del lusso made in Italy. L’intera iniziativa è coordinata da ICE Agenzia su incarico dello Sviluppo Economico con la collaborazione di Camera Nazionale della Moda Italiana.

Gilberto Calzolari sarà protagonista, insieme ad altri tre designer, di una speciale installazione con una selezione di look della collezione FW 2019-2020 esposti lungo le arcate di una struttura interna al padiglione Italia, che richiama il Colosseo. I look presentati da Calzolari sono emblematici di una collezione, intitolata Unnatural, che riflette sui concetti di naturale e artificiale tramite la rappresentazione di una natura alterata, filtrata e modificata dall’uomo, come nella giacca kimono in tessuto broccato con deliziosi motivi floreali che brillano in riverberi lamé, come contaminati da radiazioni acide; o come nella blusa in PVC azzurro trasparente, una citazione/omaggio alle opere provocatorie di Damien Hirst, dove la natura è immersa nelle formaldeide; o ancora nel prezioso abito realizzato con la rete per l’imballaggio degli agrumi che, successivamente decorata a telaio a mano con materiali da ricamo di scarto (80 ore di lavoro), diventa un vero e proprio tulle couture, a dimostrazione che l’eleganza e il lusso possono andare di pari passo con il riutilizzo delle risorse.

Una presenza importante e una grandissima vetrina internazionale, all’interno di una manifestazione che, solo lo scorso anno, ha visto la partecipazione di 150 Paesi e oltre 3600 espositori e che si prepara a replicare questi numeri anche in questa edizione.

Fashion,

Torna sul mercato italiano il leggendario brand MCS

MCS ha radici profonde. Nato negli Anni ’80 per celebrare un uomo appassionato di viaggi, amante della natura e dell’avventura, ha saputo mixare lo stile di diverse epoche, il leggendario West American lifestyle e la cultura e la qualità della moda italiana.MCS già Marlboro Classics è stato indubbiamente uno dei brand che ha più segnato l’immaginario della moda maschile in tutto il mondo, capace di divenire riferimento culturale e stilistico fatto di codici non replicabili e propri, raccogliendo il consenso di milioni di appassionati ed estimatori.

 

Il brand torna alle radici, riprendendo il logo storico ispirato al leggendario Marlboro Man, con una collezione fortemente ispirata alla sua storia e a quelle immagini che ne hanno decretato il successo come premium casual brand.MCS torna sul mercato italiano ed europeo grazie agli imprenditori italiani di Nemesis, licenziataria esclusiva EMEA, Francia esclusa, capaci di tradurre il desiderio di tanti: riappropriarsi di quell’incredibile bagaglio di emozioni e riproporlo in modo attuale.

 

Un ufficio creativo dedicato al brand, la cui evoluzione passa anche dalla progettazione di una capsule collection di capispalla ispirati agli archivi del Brand, un ufficio marketing centralizzato e una divisione commerciale che si occupa delle vendite in Italia, Europa, Russia ed Emirati Arabi. MCS non è solo un brand di moda, questa nuova avventura segna il ritorno di una leggenda che non ha mai smesso di far sognare.

 

Music,

Il nuovo album dei MODA’ arriverà ad ottobre

Il nuovo capitolo della storia dei MODÀ, cominciato con il primo singolo “Quel sorriso in volto”, il cui video ha superato due milioni di visualizzazioni in pochi giorni, è ricco di novità!  Il 4 ottobre infatti uscirà il nuovo album di inediti dei MODÀ, prodotto da Friends & Partners – licenza Believe Music. 

 “Quel sorriso in volto”, racconta una storia vera, tradotta in musica da Kekko con il suo stile inconfondibile capace di descrivere una storia d’amore senza mai usare la parola “amore”.

Il video del singolo  utilizza uno stile cinematografico. È stato girato nel deserto di Tabernas, nella Provincia di Almería in Andalusia, nella Spagna, conosciuto per aver ospitato i famosi “spaghetti western” di Sergio Leone. Lo stesso Kekko si è messo in gioco interpretando il protagonista di questa storia d’amore fuori dagli schemi insieme alla conduttrice svizzera Clarissa Tami.

A grande richiesta vengono svelate anche le nuove date del tour che a marzo e aprile 2020 porterà la band nei palasport d’Italia. I Modà si esibiranno a dicembre nei principali palasport d’Italia per un’anteprima del tour e a partire dal 6 marzo raggiungeranno il pubblico di tutta la penisola, raddoppiando così gli appuntamenti al Mediolanum Forum di Assago, Milano (4 dicembre e 28 marzo) e al Palazzo dello Sport di Roma (14 dicembre e 20 marzo).

I Modà sono tra le band di maggior successo in Italia, con all’attivo 6 album e decine di hit. Si formano ufficialmente nel 2002 ed esplodono, dopo una lunga gavetta, nel 2011 con l’album “Viva i romantici”, certificato Disco di Diamante. Hanno conquistato due volte il podio al Festival di Sanremo (con “Arriverà” nel 2011 e “Se si potesse non morire” nel 2013) e si sono esibiti allo Stadio di San Siro nel 2014 e nel 2016. Il loro ultimo album “Passione maledetta” è del 2015.

 La band è composta da Kekko Silvestre (voce, pianoforte), Diego Arrigoni (chitarra elettrica), Stefano Forcella (basso), Enrico Zapparoli (chitarra elettrica, chitarra acustica) e Claudio Dirani (batteria).

Fashion,

La nuova campagna di GENNY punta sul WINTER WONDERLAND

Tra eleganza e sensualità, candore e malizia, si snoda l’atmosfera fiabesca pervasa da una raffinatezza sussurrata ed essenziale, quella della nuova campagna per l’autunno inverno 2019 -2020 firmata Genny.

Una vera e propria fairy tale in chiave fashion, fatta di bellezza delicata, in cui il winter code della maison risalta con il suo carattere seducente e chic.

 

Le immagini sono complici di un nuovo romanticismo scritto con le linee essenziali dei modelli e i loro inserti sartoriali, impreziositi da lucenti cristalli; i tessuti, nobili e preziosi, sono resi ancora più raffinati dalle nuance definite, scelte per una donna iconica e femminile.

Una regina delle nevi, che indossa la poesia di forme avvolgenti e si scalda con cappotti cocoon con dettagli cappa, gli stessi che definiscono le nuove giacche; che sceglie la purezza delle superfici ghiacciate nelle linee di due pezzi precisi che esaltano la verticalità delle silhouette. La femminilità tipica della maison, affine alla neve che si scioglie, vuole abiti dalla linea fluida, spesso interrotti da dettagli metallici, altre volte simili a trompe l’oeil che rivelano una diversa simmetria delle forme.

La donna Genny indugia tra il candore dell’off white e la vivacità estrema del rosso fuoco: ghiaccio bollente per un guardaroba speciale, da indossare e da vivere con intensità.

Fashion,

Lumberjack vestirà i piedi della Sampdoria

Lumberjack veste i piedi dell’U.C. Sampdoria. Il brand con la foglia d’acero è infatti il nuovo Urban Shoes partner del Club blucerchiato a fronte dell’accordo siglato per la stagione 2018/19 che prevede la fornitura ufficiale delle calzature della prima squadra, del mister, dello staff tecnico e della dirigenza.


Eccellenza. Un binomio importante che evidenzia la capacità di esprimere una comune vocazione verso una costante ricerca di soluzioni che sposino lo stile e l’eleganza, il comfort e l’innovazione. «L’obiettivo è quello di arricchire l’immagine e lo stile di una società storica e prestigiosa come la Sampdoria, ricca di grandi successi, in una partnership che si identifica perfettamente con i nostri valori – ha commentato Erkan Emre, country director di Lumberjack -. I due brand, grazie alla loro storia passata e presente, sono conosciuti in tutto il mondo come sinonimo di eccellenza, rispettivamente in ambito sportivo e in quello degli accessori».
Scarpa. Per la Sampdoria Lumberjack ha selezionato una scarpa dal cotè classico per le occasioni ufficiali e formali, adatta ai momenti di rappresentanza e alla partecipazione a eventi: un modello stringato, essenziale nella forma ma dall’approccio giovane e fresco grazie al plus di comfort e di caratteristiche performanti che lo rendono versatile e up to date. Per la parte femminile del team è stato invece scelto un modello di stivale alto e chic, sofisticato e sportivo insieme, nel più autentico stile del brand

Fashion,

Save The Duck apre a Milano il primo monomarca

Save The Duck, il marchio di piumini 100% animal free, apre il primo monomarca a livello mondo a Milano, in via Solferino 12. Uno spazio pensato, progettato e finalizzato in modo sostenibile, con materiali riciclati e riciclabili al 100% come vuole la filosofia eco-friendly del brand. L’attenzione spasmodica alla sostenibilità è nel DNA di Save The Duck, che si rivolge a un target molto sensibile alle questioni ambientali e ambientaliste, globale e globetrotter. Save The Duck significa letteralmente «salviamo l’oca». E il logo è una papera che fischietta spensierata. Ma tutti gli animali potrebbero «ringraziare» Save The Duck perché i capi dell’azienda sono 100% animal free e dunque non utilizzano piume, pellami, pellicce e in generale materiali/tessuti di derivazione animale. Nello store milanese del brand troveranno casa tutte le collezioni che lo hanno reso popolare ed amato, la gamma completa delle collezioni Save the Duck Uomo, Donna e Kids, inclusi gli accessori.

 

Dalla main collection in Plumtech®, l’imbottitura esclusiva di Save the Duck, ai capi Recycled che derivano dal riciclo del PET delle bottiglie d’acqua, dalle capsule collection più esclusive ai nuovi capi invernali come i caldissimi Green Parka, i capi Rain e Pro-Tech, ultra-tecnologici e funzionali. «Parliamo al mondo e vogliamo farlo nella maniera più corretta possibile e il nostro progetto retail ne è l’ennesima conferma. Sono estremamente soddisfatto del risultato raggiunto e invito tutti a visitare il nostro primo store perché ritengo sia assolutamente in linea con il credo Save The Duck» commenta Nicolas Bargi, amministratore delegato del marchio che lui stesso ha ideato nel 2011 partendo dalle proprie convinzioni etiche. E rilancia: «È solo un primo passo. Il piano di aperture al 2020 è ambizioso e toccherà le principali destinazioni fashion del mondo». E si affiancherà al network selezionato di negozi wholesale Save The Duck presenti in 29 Paesi, in particolare in Europa, con in testa Germania, l’area Benelux e tutta la Scandinavia, e in Nord America.

Per l’individuazione del concept è stato realizzato un concorso che ha chiamato a raccolta 10 dei migliori studi emergenti d’architettura in Europa. A vincere sono stati gli architetti di MARCEL MAUER: Antonio Pisanò e Lorenzo Baldini, entrambi con un forte imprinting lato sostenibilità. Ed è stato proprio quest’elemento, insieme a una forte dose d’ironia utilizzata in fase di presentazione, con tanto di fumetto realizzato ad hoc per illustrare il progetto, l’elemento che ha portato il brand a questa scelta. Nicolas Bargi specifica che: «In perfetto stile Save The Duck, gli elementi costituenti scelti sono estremamente innovativi, composti da materiali riciclati e riciclabili al 100% e dunque assolutamente eco friendly e sostenibili. Anche la location è “non tradizionale”: via Solferino è una strada iconica, che coniuga perfettamente milanesità e internazionalità»

 

 

Fashion,

Altaroma rende omaggio a Raffaella Carrà

La mostra della serie “Iconoclasti” che rende omaggio a Raffaella Carrà, inaugurata da Altaroma a Cinecittà negli spazi del Teatro 1 il 29 giugno scorso durante la fashion week capitolina, è stata prorogata fino al 2 settembre. La decisione di non chiudere i battenti il 15 luglio come previsto è stata suggerita dal grande successo ottenuto dalla esposizione dei costumi di scena dell’iconica conduttrice televisiva, realizzati dai più grandi costumisti italiani e dalle creazioni degli stilisti ispirati al suo stile inconfondibile della Carrà.

La mostra, organizzata da Altaroma e Istituto Luce, ha avuto una copertura mediatica trasversale con migliaia di scatti sui social che hanno convinto l’istituzione nazionale del cinema e dell’entertainment a prolungare i tempi dell’esposizione, curata da Fabiana Giacomotti con Annalisa Gnesini, a tutta l’estate.